Casa Consigli

Presa GFCI vs interruttore differenziale GFCI: qual è la differenza?

interruttore luce

La presa GFCI e l’interruttore differenziale GFCI sono dei dispositivi di protezione che hanno l’obiettivo di proteggere gli utenti contro la possibilità di shock nel caso di un guasto a terra, una condizione che si verifica nel caso in cui la corrente elettrica scorre accidentalmente fuori dal circuito stabilito.

Ci sono vantaggi e svantaggi per ogni strumento, a seconda della specifica installazione. Fondamentalmente un interruttore differenziale GFCI e una presa GFCI svolgono le stesse funzioni. Per fare la scelta giusta bisognerà valutare in modo approfondito i vantaggi e gli svantaggi di ciascun dispositivo.

Cos’è una presa GFCI?

Una presa GFCI è riconoscibile dal suo aspetto. Il sistema GFCI è integrato all’interno di una presa elettrica e solitamente presenta un pulsante di reset rosso (o eventualmente bianco) sulla piastra frontale. La presa svolge la funzione di controllare quanta energia la attraversa quando è in uso. Se questa rileva qualsiasi tipo di sovraccarico o squilibrio elettrico, fa scattare preventivamente il circuito in una frazione di secondo.

Le prese GFCI vengono generalmente usate al posto di quelle standard. Queste possono essere cablate in due modi differenti per offrire due diversi livelli di protezione. Il primo modo è quello a postazione singola che offre la protezione GFCI solo ad una singola presa. Il secondo consiste nel cablaggio a postazione multipla, che ha la funzione di proteggere la prima presa GFCI e ogni presa successiva ad essa (comprese le prese standard) all’interno dello stesso circuito. Tuttavia non protegge la porzione di circuito che si trova tra sé e il pannello di servizio principale. Per esempio, se la GFCI cablata per la protezione multipla è la quarta presa in un circuito che ne include sette, allora le prime tre prese non saranno protette.

Resettare una presa è in genere più comodo che andare fino al pannello di servizio per resettare un interruttore. Va ricordato però che se cablate un circuito per la protezione di più posizioni utilizzando una singola presa GFCI, quella presa controllerà tutti i dispositivi successivi: se si verificano dei guasti di cablaggio a valle, bisognerà allora risalire alla presa GFCI per poi resettarla.

Cos’è un interruttore differenziale GFCI?

Gli interruttori differenziali GFCI hanno la funzione di proteggere l’intero circuito. La loro applicazione è molto semplice: installandone uno nel pannello di servizio (ovvero nella scatola dell’interruttore), si ottiene la protezione GFCI per un intero circuito, che va dal cablaggio a tutti i dispositivi e gli apparecchi collegati al circuito.

E’ conveniente utilizzare gli interruttori differenziali GFCI nelle situazioni in cui tutte le prese di un circuito richiedono la protezione. Supponiamo, ad esempio, che state aggiungendo un circuito di prese per un garage o per un grande spazio esterno. Poiché tutte queste prese hanno bisogno di una protezione GFCI, sarà più efficiente cablare l’intero circuito con un interruttore differenziale GFCI in modo che l’intero circuito sia protetto.

interruttore a pulsante

Quando scegliere una presa GFCI piuttosto che un interruttore differenziale GFCI

Partiamo dal presupposto che le prese GFCI risultano molto semplici da installare rispetto ad un interruttore differenziale GFCI. La maggior parte delle volte la decisione si riduce a una questione di efficienza. Per esempio, se avete bisogno di protezione GFCI solo per una o due prese – come per un bagno o una lavanderia – probabilmente ha più senso installare solamente le prese GFCI in quelle specifiche zone. Inoltre, se siete degli amanti del fai da te e non avete familiarità con il lavoro su un pannello di servizio, che richiede esperienza e manualità, aggiungere una presa è un lavoro decisamente più semplice e sicuro della sostituzione di un interruttore differenziale GFCI

Bisogna considerare però che le prese GFCI hanno corpi molto più grandi delle prese standard, quindi in alcuni casi lo spazio fisico all’interno della scatola a muro potrebbe influenzare e limitare la vostra scelta. Infatti con le scatole di dimensioni standard potrebbe non esserci abbastanza spazio per aggiungere una presa GFCI in modo sicuro, rendendo l’interruttore GFCI l’unica scelta disponibile.

Per ultimo anche il costo può essere un fattore determinante per la scelta: una presa GFCI costa tra i 10 e i 20 euro a differenza di un interruttore differenziale GFCI che potrebbe arrivare a costare anche 100 euro. Nel caso in cui non volessi spendere molto oppure hai bisogno di proteggere solo una singola zona, una presa GFCI potrebbe essere la scelta migliore.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguire il nostro Blog.

Se invece hai bisogno di un elettricista professionista per la tua casa, clicca qui.

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Presa GFCI vs interruttore differenziale GFCI: qual è la differenza?

post-image

La presa GFCI e l’interruttore differenziale GFCI sono dei dispositivi di protezione che hanno l’obiettivo di proteggere gli utenti contro la possibilità di shock nel caso di un guasto a terra, una condizione che si verifica nel caso in cui la corrente elettrica scorre accidentalmente fuori dal circuito stabilito.

Ci sono vantaggi e svantaggi per ogni strumento, a seconda della specifica installazione. Fondamentalmente un interruttore differenziale GFCI e una presa GFCI svolgono le stesse funzioni. Per fare la scelta giusta bisognerà valutare in modo approfondito i vantaggi e gli svantaggi di ciascun dispositivo.

Cos’è una presa GFCI?

Una presa GFCI è riconoscibile dal suo aspetto. Il sistema GFCI è integrato all’interno di una presa elettrica e solitamente presenta un pulsante di reset rosso (o eventualmente bianco) sulla piastra frontale. La presa svolge la funzione di controllare quanta…

Read More
Casa Consigli

Quali sono le cause di un corto circuito elettrico?

post-image

Il termine corto circuito è spesso usato in modo improprio per riferirsi a qualsiasi problema di cablaggio in un circuito elettrico. In realtà i veri cortocircuiti si verificano quando i fili del circuito elettrico o le connessioni dei fili sono esposti o danneggiati; questi devono essere diagnosticati e riparati il prima possibile.

Definizione di un corto circuito: l’importanza del cablaggio

Per natura l’elettricità cerca di tornare a terra. In un circuito che funziona correttamente, la corrente scorre attraverso il circuito stabilito fino ad arrivare al quadro di servizio, per poi percorrere di nuovo i fili di distribuzione elettrica. Tuttavia, se le connessioni all’interno del cablaggio si allentano o si rompono, la corrente elettrica può disperdersi. In questo caso, la corrente cerca immediatamente di rifluire a terra attraverso un percorso più breve. Questo percorso può benissimo essere attraverso materiali infiammabili o,…

Read More
Casa Consigli

Irrigazione: come riattivare un impianto in primavera

post-image
  • Tempo di lavoro: 30 minuti
  • Tempo totale: 1 ora e 30 minuti
  • Livello di abilità: principiante

Durante l’inverno, il prato e il giardino potrebbero non aver bisogno dell’impianto di irrigazione, quindi sarebbe opportuno spegnerlo. Con l’arrivo della primavera, tuttavia, sarà necessario riattivarlo. Con un sistema di irrigazione funzionante, l’erba e i fiori possono ricevere l’acqua di cui hanno bisogno per crescere radiosi e rigogliosi.

Attenzione!

La cosa più importante da ricordare quando si riattiva un impianto di irrigazione è aprire l’acqua lentamente. Aprendo l’acqua troppo rapidamente si potrebbe creare un enorme colpo d’ariete, un’onda d’urto causata da un improvviso cambiamento nel flusso dell’acqua. Ciò può far scoppiare i raccordi o far staccare le teste degli irrigatori. Apri sempre lentamente la valvola di intercettazione dell’impianto per far pressurizzare gradualmente il sistema; bastano solo pochi secondi.

Di cosa avrai bisogno

Attrezzatura / strumenti

Casa Consigli

Come svuotare uno scaldabagno: guida pratica passo per passo

post-image

La maggior parte dei manuali di manutenzione suggeriscono di svuotare uno scaldabagno regolarmente ad intervalli che vanno dai 6 ai 12 mesi. Ciò è consigliato per aiutare a rimuovere qualsiasi sedimento o accumulo che si raccoglie sul fondo del serbatoio dello scaldabagno. Questo accumulo farà sì che lo scaldabagno lavori di più per riscaldare l’acqua, utilizzando più energia e comportando un dispendio economico superiore per farlo funzionare.

È abbastanza facile svuotare uno scaldabagno, ma dovresti sapere cosa aspettarti prima di iniziare.

Cosa aspettarsi

Preparati a una perdita. È possibile che la valvola di scarico non si richiuda completamente una volta aperta per svuotare il serbatoio. Ricorda, questa valvola di scarico è rimasta ferma da sei mesi ad un anno (o più) e più invecchia, meno è probabile che si richiuda completamente. Preparati a mettere un tappo sulla valvola…

Read More
Casa Consigli

Trucchi e consigli per il rinnovo dell’impianto elettrico

post-image

Quando si tratta di piccoli aggiornamenti elettrici e progetti di ristrutturazione, solitamente “less is more”. Cioè, meno si può pasticciare con gli impianti e i cablaggi esistenti, meglio è. Se qualcosa non è sicuro o è cablato in modo improprio, naturalmente, si dovrebbe sostituire. Ma se avete solo bisogno di aggiungere dei nuovi fili, un punto luce o una presa, può essere utile cercare modi per semplificare il processo. I seguenti suggerimenti ti possono aiutare.

Hai bisogno di una presa? Guarda dall’altra parte del muro

Tendiamo a pensare stanza per stanza, dimenticando che un muro interno non è altro che un’intelaiatura e due strati di cartongesso (o intonaco). Il cablaggio elettrico passa all’interno delle pareti e può essere accessibile da entrambi i lati. Quindi, se hai bisogno di aggiungere una presa in una stanza che non ha spine vicine, controlla il…

Read More
Casa Consigli

Le migliori marche di strumenti e apparecchi idraulici

post-image

Per l’idraulica fai da te, devi concentrarti su due parti del progetto: gli strumenti che usi e gli apparecchi idraulici che installi. Le tue preferenze e il tuo budget influenzeranno quali sono le marche migliori per te. Prima di stare in una corsia a guardare tutte le opzioni, aiuta avere una certa conoscenza pratica delle marche di fronte a voi, al di là di quello che avete visto nelle pubblicità. La scelta migliore vi sarà utile, sia ora che negli anni a venire.

È fondamentale avere gli strumenti e i dispositivi giusti per prendersi cura e migliorare la propria casa. Sfortunatamente, molti progetti di idraulica fai-da-te richiedono strumenti e materiali che non sono comuni per le attività quotidiane svolte in casa, quindi è utile avere una guida quando si fa il grande passo. Qui ci sono alcune marche popolari e strumenti usati di frequente…

Read More
Casa Consigli

Drenare uno scaldabagno

post-image

La maggior parte dei manuali di manutenzione dello scaldabagno suggeriscono di svuotare uno scaldabagno a intervalli che vanno da sei a 12 mesi. La ragione di questa raccomandazione è di aiutare a rimuovere qualsiasi sedimento o accumulo che si raccoglie sul fondo del serbatoio dello scaldabagno. Questo accumulo farà sì che lo scaldabagno lavori di più per riscaldare l’acqua, usando più energia e costando più soldi per funzionare. È abbastanza facile drenare uno scaldabagno, ma bisogna sapere cosa aspettarsi prima di iniziare.

Cosa aspettarsi prima di drenare uno scaldabagno

Essere preparati a una perdita. C’è la possibilità che la valvola di scarico non si chiuda completamente una volta aperta per drenare il serbatoio. Ricordate che questa valvola di scarico è rimasta ferma da sei mesi a un anno (o più) e più è vecchia, meno è probabile che si richiuda completamente….

Read More
Casa Consigli

Come riparare la maniglia dello scarico bloccata

post-image

Quando il gabinetto fa i capricci, la maggior parte delle persone ricorre allo stesso, vecchio consiglio: “Devi tenere premuta la maniglia”. La maniglia dello scarico bloccata sembra verificarsi senza una ragione evidente, anche se la causa è molto semplice.

Si può capire la causa del blocco semplicemente rimuovendo il coperchio del water e osservando le parti in azione mentre si preme la maniglia dello scarico. Quando funziona normalmente, il braccio dello sciacquone tira su una catena di sollevamento che alza la valvola di scarico sul fondo del serbatoio per avviare lo sciacquone. Quando si verifica un allentamento nella catena, il braccio dello sciacquone non riesce a sollevare lo sportello abbastanza in alto per avviare il ciclo di sciacquone, a meno che non si tenga premuta la maniglia. Se non si tiene la maniglia, il deflettore scende di nuovo sopra la valvola di scarico, chiudendo…

Read More
Translate