Consigli

10 Consigli per avere un home theater perfetto

home theater wireless consigli

Grazie all’home theater si possono ottenere rappresentazioni visive il più possibile fedeli a quelle percepibili in un teatro o in una sala cinematografica e in generale, a produrre uno spettacolo di qualità per dare il massimo coinvogimento allo spettatore.

Individuare uno spazio dedicato per l’home theater

Uno spazio home theater dedicato è una sala incentrata esclusivamente alla visione di video su grande schermo. Ciò significa che in quella stanza succede poco altro, se non attività legate alla proiezione.

Quando l’home theater condivide lo spazio con altre attività, l’esperienza cinematografica si riduce. Le camere da letto non utilizzate potrebbero essere perfette per ospitare un home theater, ma devono essere abbastanza lunghe da permettere agli spettatori di mantenere una distanza adeguata dallo schermo. Questo è particolarmente importante con i videoproiettori. Questi ultimi hanno bisogno di una distanza di circa 4 metri per proiettare un’immagine con una diagonale di 150 pollici, anche se sono disponibili proiettori a corto raggio.

Controllare la luce ambientale

Per luce ambiente si intende la luce proveniente da fonti esterne, come ad esempio da altre stanze o attraverso le finestre. Gli home theater sono spazi in cui si vuole limitare la luce ambientale, sia quella naturale esterna che quella proveniente da altre stanze. La luce rende meno vivide le immagini di proiezione video e rende persino meno piacevole la visione a schermo piatto. Dal punto di vista del videoproiettore, avrete bisogno di un dispositivo con un alto livello di luminosità se avete una certa luce ambientale che non potete controllare. Ma il modo migliore per affrontare la luce ambientale è semplicemente fermarla prima che inizi, scegliendo uno spazio che abbia già poca luce, per esempio un seminterrato. Se non si riesce a farlo, si può limitare la luce con tende e ombreggiature.

Controllare il suono ambientale

Il suono ambientale è il suono indesiderato che proviene dall’esterno del vostro home theater. I suoni provenienti dall’esterno spesso rovinano l’esperienza audiovisiva. Lavastoviglie, bambini in altre stanze, rumori della cucina, rumori dell’impianto idraulico e suoni provenienti dall’esterno della casa sono solo alcuni esempi di suoni d’ambiente che possono rendere pessima l’esperienza del vostro home theater.

La creazione di uno spazio dedicato è il primo passo per controllare i rumori esterni. Ma è necessario fare qualche passo in più:

Insonorizzate la vostra stanza aggiungendo un secondo strato di muro a secco o sostituendolo con un pannello speciale per la riduzione del suono.
Se avete delle finestre nel vostro home theater, montate delle tende più spesse che bloccano la luce e assorbono il suono.

Far sembrare il vostro home theater un cinema

Per alcuni l’home theater è il classico cinema con le pareti di velluto rosso, le luci sotto i gradini, i posti a sedere con la poltrona e la macchina per i popcorn. Per altri, è una versione più semplice. E per un altro gruppo di persone che non sono cresciute andando al cinema, potrebbe significare qualcosa di completamente diverso. I vecchi teatri hanno pavimenti inclinati e quelli contemporanei hanno posti a sedere elaborati e gradoni scoscesi. La graduazione dei posti a sedere per l’home cinema è relativamente semplice da costruire con una struttura di travi a due per sei o due per otto assi. La parte superiore è costituita da un compensato per interni, con la moquette che va sopra il compensato.

home theater guida

Progettare un sistema di illuminazione robusto e flessibile

Il controllo della luce è la capacità di accendere e spegnere le luci all’interno dello spazio del cinema. Piccoli led a incasso possono essere aggiunti al fondo degli scalini o nel soffitto per illuminare verso il basso per formare il classico look da home theater. Cercate di tenere la maggior parte di queste luci dietro lo spettatore per evitare di penalizzare l’esperienza visiva.

Limitare gli oggetti riflettenti

Tutto ciò che non è lo schermo stesso e che riflette la luce sullo spettatore deve essere minimizzato o eliminato. Ciò significa che la vernice deve essere mantenuta in modo da appiattire la lucentezza, preferibilmente opaca o piatta. Maniglie delle porte lucide, cerniere, apparecchi di illuminazione, kit di illuminazione da incasso, piani di lavoro e inserti per caminetti dovrebbero essere tutti evitati nella zona cruciale tra lo schermo e l’osservatore. Se avete oggetti riflettenti, prendete in considerazione la possibilità di ridurre la loro lucentezza spruzzandoli con vernice opaca di colore scuro.

Pianificare la corretta visualizzazione e disposizione dei posti a sedere

Nessuno nel teatro dovrebbe avere la vista dello schermo bloccata o essere troppo vicino o troppo lontano. La disposizione dei posti a sedere a gradoni è un vero lusso che può essere realizzato solo in uno spazio cinematografico dedicato. I posti a sedere non devono necessariamente essere poltrone da cinema che costano migliaia di euro.

Controllare il suono all’interno dell’Home Theater

L’audio dell’home theater rimbalza sulle pareti, sul soffitto e nel pavimento. Limitare quel rimbalzo è la chiave per ottenere un suono home theater perfetto.

Aggiungere una schermata di filmato a discesa

Se avete un videoproiettore, uno dei vantaggi è che potete mettere via lo schermo quando avete finito di guardare il vostro show. I televisori a schermo piatto, invece, non possono essere nascosti. Oppure si può investire in uno schermo cinematografico elettrico che si abbassa e si alza con la semplice pressione di un tasto.

Sospendete il proiettore

Per proteggere il vostro costoso acquisto, potete sospendetelo dal soffitto piuttosto che appoggiarlo su una superficie piana. Sono disponibili kit di sospensione generici che si attaccano alla maggior parte dei videoproiettori.

Se ti è piaciuto il nostro articolo, continua a seguire il nostro Blog.

Se invece hai bisogno di un professionista per la tua casa, clicca qui.

You may also like

Casa Consigli

Impresa di costruzioni: cinque errori da non fare

post-image

Se vi state preparando per una grande ristrutturazione della casa, siate pronti a prendere centinaia di decisioni, dal definire la pianta alla scelta dei colori della vernice. Tuttavia, nessuna scelta è più importante di quella dell’impresa di costruzioni giusta per il lavoro.

Nove volte su dieci i progetti di ristrutturazione non raggiungono i risultati previsti: le motivazioni possono essere ricondotte a un problema tra i proprietari di casa e l’impresa costruttrice.

Per evitare questo destino nella ristrutturazione, fate attenzione a non compiere questi cinque errori nell’assunzione dell’impresa di costruzioni.

Errore #1: scegliere la prima impresa di costruzioni che si incontra

È un come un appuntamento: non si sposa la prima persona che si incontra, nonostante questa possa sembrare perfetta. Per una ristrutturazione importante pianificate di consultare cinque o sei imprese di persona. Potrebbe sembrarvi…

Read More
Consigli

Ditta di costruzioni: come sceglierla? 15 domande che prevengono le frodi e assicurano la soddisfazione

post-image

Sapete che assumere una ditta di costruzioni qualificata è una delle parti più importanti per iniziare un nuovo progetto di casa? Dei professionisti affidabili con una buona reputazione ed esperienza possono fare una grande differenza. Ma quali sono le domande più importanti da porre durante il colloquio e come si valuta la qualità di una risposta? La consultazione di esperti del settore ha consentito di creare un elenco definitivo di domande che vi aiuterà a imparare tutto ciò che c’è da sapere per scegliere con attenzione il professionista giusto per il lavoro – e per evitare i più comuni problemi di costruzione.

#1 “Da quanto tempo la ditta è in questo settore?”

Le ditte di costruzioni che operano da anni hanno incontrato molti problemi di crescita. Per questo motivo, le aziende con esperienza hanno creato sistemi e controlli per assicurare che…

Read More
Casa Consigli

Come assumere un appaltatore generale

post-image

Gli appaltatori generali organizzano ed eseguono grandi progetti di ristrutturazione, per questo motivo è fondamentale trovare quello giusto. Assumere un appaltatore significa intervistare i candidati, confrontare i preventivi ed infine verificare i loro permessi, licenze e piani assicurativi.

Questo articolo vuole quindi offrire una guida per aiutarvi a selezionare ed assumere il professionista giusto per il vostro progetto.

In questa pagina vedremo:

  • Come assumere un appaltatore generale
    • Qualifiche
    • Suggerimenti per l’intervista e domande da porre
    • Costi
    • Contratti
  • Servizi offerti dagli appaltatori generali
    • Vale la pena assumere un appaltatore generale?

Come assumere un appaltatore generale

Prendete sempre il vostro tempo e fate le vostre ricerche quando assumete un appaltatore. Ecco alcuni consigli per aiutarvi in questa fase:

  • Ricercate dei candidati selezionati: Prima di intervistare i candidati, controllate le valutazioni e le recensioni online di…
Read More
Casa Consigli

Un architetto da assumere: come? Ecco le cose da sapere

post-image

Assumere un architetto significa trasformare i vostri sogni e le vostre idee in progetti che gli appaltatori possono utilizzare per iniziare i vostri piani, sia che stiate costruendo una nuova casa o solo apportando grandi modifiche a quella attuale. Gli architetti possono aiutarvi a capire se i vostri piani sono realistici e fornirvi idee ancora migliori di quelle che avete pensato in primo luogo. Trovare un architetto con le giuste qualifiche può sembrare difficile a volte. Invece di occuparsene da soli, rivolgetevi alla rete di professionisti che potete trovare su Ernesto.it.

Qualifiche di un architetto

Gli architetti sono professionisti qualificati che hanno trascorso anni a studiare codici di costruzione, interni o design esterno, e integrità strutturale. Gli architetti richiedono un’istruzione più formale di molti altri professionisti. Come minimo, un architetto deve possedere una laurea in architettura ed…

Read More
Casa Consigli

Arredatore d’interni: ecco gli step da seguire per assumerlo

post-image

Se volete rimodellare o rinnovare la vostra casa o anche solo una stanza della vostra casa, un arredatore d’interni è il professionista di cui avete bisogno. Non c’è bisogno di preoccuparsi perché vi aiuterà a mantenere lo spazio il più funzionale possibile e lo adatterà alle vostre esigenze. La maggior parte degli arredatori di interni di alta qualità ha almeno una laurea in architettura con una specializzazione in architettura di interni e allestimenti o in una materia simile. Inoltre, avere un’assicurazione di responsabilità civile, nonché un certificato albo professionale, è indispensabile. Quando sceglierai un arredatore d’interni con cui lavorare, assicurati di chiedere delle referenze. Su Ernesto.it troverai il professionista ideale per il tuo progetto di arredamento o ristrutturazione.

Primo step per assumere un arredatore d’interni: verificare le qualifiche

L’assunzione di un arredatore di interni dovrebbe iniziare con la verifica delle sue…

Read More
Casa Consigli

Come assumere un giardiniere per il tuo prato

post-image

Se vuoi migliorare l’aspetto del tuo paesaggio evitando il fastidio di fare il lavoro pesante da solo, dovresti prendere in considerazione l’idea di assumere un giardiniere professionista. Quest’ultimo metterà in pratica tutte le tue esigenze paesaggistiche. I giardinieri possono migliorare e rinnovare gli esterni della tua casa, rispondere a qualsiasi domanda sul giardinaggio, svolgere il loro lavoro con strumenti e attrezzature moderne, rendere più sicuro il tuo giardino. Per essere un giardiniere di alta qualità è necessario avere esperienza sul campo, un attestato di corsi di formazione, laurea in agraria o botanica. Inoltre, avere un attestato di idoneità a norma di legge e un’assicurazione di responsabilità civile, nonché un permesso di lavoro, sono indispensabili. Per assumere un ipotetico giardiniere è raccomandabile verificare l’esperienza specifica al lavoro richiesto e il tempo che impiegherà per completarlo. Ernesto.it è disponibile ad assistervi nella ricerca del miglior giardiniere per la tua…

Read More
Casa Consigli

Quanti fili elettrici può contenere un tubo protettivo?

post-image

Quando non è proprio possibile utilizzare cavi non metallici, bisogna trovare un modo per proteggere i cavi elettrici da qualsiasi tipo di esposizione. In questo caso, una giusta soluzione è fornita dal tubo protettivo.

I tubi protettivi, che è possibile trovare in diversi materiali come il metallo rigido (TBR), la plastica rigida (PVC) o il metallo flessibile (TMF), presentano però il limite della quantità di cavi elettrici che possono essere condotti al loro interno (ossia la capacità di riempimento).

Definire e limitare il numero di fili conduttori è una questione di sicurezza: in effetti, se i fili elettrici trasportassero più corrente rispetto a quella concessa, il rischio che il calore generato possa fondere l’isolamento dei fili elettrici diventa molto elevato. Quindi limitare il numero di fili presenti in un tubo protettivo limita la possibilità che si accumuli calore -…

Read More
Casa Consigli

Corrispondenza tra le dimensioni dei cavi elettrici e l’amperaggio del circuito

post-image

Quando viene ampliato un circuito elettrico o quando ne viene rifatto il camblaggio o ancora quando ne viene installato uno nuovo, è fondamentale verificare che i cavi siano adattati all’amperaggio (ovvero l’intensità della corrente elettrica) del circuito. Infatti, per evitare che l’elevato calore prodotto possa fondere i cavi e causare incendi, è necessario che – all’aumentare dell’amperaggio del circuito – i cavi abbiano uno spessore maggiore.

La giusta misura del circuito, indicata dall’amperaggio, è determinata da diversi fattori, come ad esempio dal carico previsto sul circuito, dal numero di prese o di apparecchi di illuminazione ad esso collegati e dalla lunghezza del circuito.

Una volta adeguato l’amperaggio del circuito, è fondamentale adattare lo spessore dei cavi utilizzati all’amperaggio dell’interruttore.

Dimensione dei cavi

Se almeno una volta hai acquistato cavi elettrici, avrai notato la…

Read More
Translate