Casa Consigli

Piatti tipici natalizi: alcune prelibatezze dal mondo

Piatti tipici tavola natalizia

Nel corso della storia, in tutto il mondo, le varie culture hanno celebrato feste e ricorrenze  intorno al periodo del solstizio di dicembre, che è la notte più lunga dell’anno nell’emisfero nord e il giorno più lungo dell’emisfero sud. In America, le due feste di dicembre più conosciute sono probabilmente il Natale e l’Hanukkah, anche se cristiani ed ebrei di tutto il mondo spesso segnano queste occasioni con cibi diversi da quelli serviti alle celebrazioni americane. E altre culture in entrambi gli emisferi hanno le loro feste del solstizio (con diversi cibi deliziosi che possono essere serviti in ognuno di essi). Ecco una lista di piatti tipici delle varie feste invernali in tutto il mondo tra dicembre e gennaio.

Piatti tipici francesi: Galette Des Rois e Bûche De Noël

Il 6 gennaio, il giorno dell’Epifania si commemora la visita dei Re Magi (les rois) al bambino Gesù. I francesi festeggiano l’occasione con la Galette des Rois, una torta a scaglie con ripieno di mandorle zuccherate e burrose che è tanto un gioco da festa quanto un pasticcino. Nella pastella c’è un piccolo gingillo chiamato “feve”, e chi lo scopre nella sua fetta può indossare una corona di carta e giocare a fare il re o la regina per la notte.

Un dolce tipico natalizio è il Bûche De Noël il cui nome significa letteralmente Tronchetto di Natale. Si tratta di una torta al cioccolato cotta a forma di tronco e spolverata con lo zucchero del pasticcere per ricordare la neve bianca su un tronco caduto.

ette des rois

Piatti tipici delle Filippine: Lechon e Puto Bumbong

Tra i piatti tipici delle Filippine vi è il “lechon”, parola spagnola che significa letteralmente “maialino”. Nelle Filippine, che hanno trascorso diversi secoli come possedimento coloniale spagnolo, la parola è più probabile che si riferisca al piatto tradizionale della festa, un intero maialino da latte arrostito, completo di una mela in bocca, sul carbone.  

Nella categoria dolci vi è il puto bumbong , una torta oblunga preparata con riso viola macinato a vapore all’interno di un tubo di bambù, poi servita su una foglia di banana condita con margarina, cocco grattugiato e zucchero ricco di melassa. Il più delle volte viene venduto come cibo di strada dai venditori ambulanti fuori dalle chiese durante il Simbang Gabi, una serie di nove giorni di messa a cui partecipano cattolici romani filippini e aglipayani in onore della Vergine Maria.

Speculaas (Paesi Bassi / Belgio)

Le speculaas sono biscotti dolci e piccanti allo zenzero che fanno parte delle tradizionali feste natalizie in Belgio e nei Paesi Bassi. Anche se la ricetta dell’impasto è abbastanza semplice, la realizzazione delle specule richiede alcune attrezzature specializzate: stampi per biscotti chiamati “springerle”, modellati a forma di personaggi o scene delle storie di Sinter Klass (Babbo Natale).

Piatti tipici del Guatemala: il Pulique

Ogni anno, il piccolo villaggio guatemalteco di Chichicastenango ospita il suo famoso Festival de Santo Tomas, una festa di metà dicembre che unisce le tradizioni cattoliche con le antiche feste del solstizio dei Maya in onore del dio del sole. I cibi serviti durante la festa includono elaborati piatti a base di pollo come il Pulique, una popolare ricetta guatemalteca simile a un piatto un tempo popolare tra i Maya.

Corona di Santa Lucia (Scandinavia)

La festa di Santa Lucia dà il via alla stagione dell’avvento nella tradizione scandinava. Secondo la leggenda, quando i cristiani erano ancora una minoranza romana perseguitata, Santa Lucia portava cibo ai cristiani che si nascondevano nelle catacombe, mentre indossava una corona di candele sulla testa per illuminare la sua strada, lasciando le mani libere di portare altro cibo.

Gli scandinavi oggi celebrano la festa di Santa Lucia con una varietà di cibi celebrativi, tra cui la corona di Santa Lucia, un pane glassato e zuccherato decorato con candele e nastri colorati.

Laufabrauð / Pane di foglie (Islanda)

Il laufabrauð islandese o “pane di foglie” è un tradizionale pane o biscotto natalizio zuccherato, fatto molto sottile perché tradizionalmente la farina di grano era troppo costosa perché gli islandesi potessero permettersi molto. Il nome “foglia”  deriva dai motivi geometrici tradizionalmente tagliati nella pasta sottile prima che venisse fritta.

Fesenjan (Iran)

Gli iraniani celebrano il solstizio d’inverno con la festa della Shab-e Yalda o Notte Yalda, che affonda le sue radici nelle antiche tradizioni zoroastriane persiane. Nella notte più lunga dell’anno, la gente si riuniva con la famiglia e gli amici e si sforzava di rimanere sveglia, come protezione dagli spiriti maligni che potrebbero essere in giro. Il giorno successivo si passava poi a festeggiare la vittoria sulle tenebre. Un piatto popolare della Shab-e Yalda è il fesenjan, uno stufato di pollo aromatizzato con melograni.

Piatti tipici inglesi: Christmas Pudding, Mincemeat Pies e Spotted Dick

“A Christmas Carol” e altre storie natalizie di origine britannica parlano spesso di piatti tipici stagionali come il plum pudding e i mince pies, le cui ricette sono tipiche della cucina tradizionale inglese. Il primo è fatto con una varietà di frutta secca sospesa in una pastella di uova e sego, o grasso di manzo. Il secondo contiene tradizionalmente la stessa miscela di ingredienti con l’aggiunta di spezie importate come chiodi di garofano, cannella e noce moscata.

Un dolce tradizionale inglese è lo Spotted dick, fatto di crema pasticcera densa servita su un budino al vapore “macchiato” con bacche di ribes nero. Nel corso del secolo scorso, gli americani che preparavano questo piatto hanno iniziato ad utilizzare l’uvetta, perché nel 1911 gli Stati Uniti dichiararono fuori legge la crescita e l’importazione di ribes nero per paura che diffondessero un fungo dannoso per i pini.

Ma all’inizio del XXI secolo, vari stati americani hanno iniziato a revocare i divieti sul ribes nero, e possono essere trovati legalmente online e in negozi di alimentari selezionati.

Hojuelas (Colombia)

Le hojuelas sono dolci di pasticceria colombiana fritti, di solito fatti di pasta aromatizzata con succo d’arancia, e tradizionalmente serviti a Natale. La parola spagnola “hojuela” significa letteralmente “fiocco”, e il detto in spagnolo “miel sobre hojuelas” (miele su fiocchi) equivale a “la ciliegina sulla torta”.

Krusciki / Angel Wings (Polonia)

I Krusciki, o “ali d’angelo”, sono ciambelle fritte zuccherate tradizionalmente servite alle feste natalizie polacche. Sono popolari anche durante l’equivalente polacco del Martedì Grasso, come un modo per consumare i grassi e altri cibi proibiti durante la Quaresima.

Pastelli (Porto Rico)

Le famiglie di Puerto Rico possono dedicare un giorno intero o più alla preparazione di pastelli da congelare e gustare per tutto il periodo natalizio. La specialità, simile al tamale, è fatta con pollo o maiale abbinata a ceci, uvetta e olive, avvolta in un impasto di radici e verdure e cotta al vapore in una foglia di banana

Vin brulé e Stollen (Germania/Austria)

Questo vin brulé “vino incandescente” – la traduzione letterale di glühwein – è un punto fermo ai mercatini di Natale delle città tedesche in ogni periodo natalizio. Spesso viene venduto in modo simile alla birra: quando si acquista una bevanda, oltre al costo della stessa si paga una caparra, poi si restituisce il boccale di ceramica per il rimborso o lo si conserva come souvenir. Anche se ogni famiglia ha la sua ricetta per il glühwein, ciò che più ha in comune è che il vino rosso speziato e riscaldato viene addolcito con una combinazione di zucchero e succhi di agrumi.

Per quanto rigurda il cibo, lo Stollen è un pane natalizio tedesco più simile a una torta di frutta speziata ricoperta di zucchero, le cui origini risalgono al Medioevo. A quei tempi, lo stollen era un dolce duro piuttosto insapore servito durante la Quaresima, quando il consumo di latte e burro era proibito. Lo stollen ha iniziato la sua lenta evoluzione nel 1490, dopo che il papa stesso ha revocato il divieto di consumare burro durante la Quaresima.

Piatti tipici tedeschi Stollen mit marzapan

Vellutata di Zucca Kabocha (Giappone)

La festa giapponese del solstizio d’inverno si chiama Toji. La maggior parte dei piatti tipici Toji sono preparati con la zucca kabocha, una verdura autunnale che si conservava bene nei giorni precedenti la refrigerazione e che quindi era un alimento base della dieta invernale giapponese. Questa vellutata cremosa funziona bene da sola ed è deliziosa come salsa per intingere il pane. 

Piatti tipici della Groenlandia: Balena cruda e uccello marino fermentato

Sarà difficile trovare le prelibatezze natalizie della Groenlandia al di fuori dell’Artico, non che la maggior parte di noi lo vorrebbe. Il Mattak, per esempio, è una pelle di balena cruda tagliata a dadini in quadrati simmetrici prima di essere servita. Il kiviak, invece, è preparato riempiendo una pelle di foca con centinaia di uccelli marini, e lasciandoli fermentare al suo interno per sette mesi. Quando sono finalmente pronti, gli uccelli vengono rimossi e serviti direttamente dalla carcassa della foca.

Piatti tipici svedesi: il Lutefisk

Tra i piatti tipici svedesi vi è il lutefisk, che si gusta comunemente nel periodo di Natale anche in Danimarca, Norvegia, Finlandia e in Minnesota. È fatto con un pesce essiccato come il merluzzo o l’eglefino imbevuto di liscivia e cotto al vapore per creare la sua insolita consistenza gelatinosa.

Carpa fritta (Repubblica Ceca)

La carpa impanata e fritta con insalata di patate e zuppa di pesce costituisce uno dei piatti tipici natalizi cechi. Oggigiorno i venditori ambulanti vendono il pesce vivo ma un tempo era consuetudine comune per le famiglie tenere in vita la carpa nella vasca di casa fino a una settimana prima delle vacanze, in modo da poterla gustare il più fresco possibile.

Torta salata (Spagna)

In Spagna, il 28 dicembre è il giorno dei Santi Innocenti, che commemora i neonati massacrati per ordine di re Erode il giorno della nascita di Gesù con una giornata di scherzi non dissimile dal Pesce d’Aprile. Una delle tradizioni più divertenti ha avuto origine con i panettieri della nazione che preparano torte con il sale al posto dello zucchero per confondere i clienti.

Joulutorttu (Finlandia)

Secondo alcune leggende, nella regione della Lapponia della Finlandia si trova la casa di Babbo Natale, dunque la nazione è ricca di tradizioni culinarie natalizie. Uno dei suoni più gustosi è il Joulutorttu, biscotti leggeri e scagliosi a forma di stella o di mulino a vento fatti con la ricotta e riempiti con un pizzico di marmellata di prugne secche.

Kholodets (Russia)

In Russia uno dei piatti tipici delle vacanze è il kholodet, chiamato anche aspic di carne, essenzialmente un’insalata di verdure salate fatta bollendo la carne fino a quando il brodo diventa gelatinoso. Se non si utilizza gelatina già confezionata, questo comporterà la bollitura di porzioni di carne ricche di collagene come cosce di pollo e zampe di maiale per almeno cinque ore per ottenere la giusta consistenza.

Pavlova (Nuova Zelanda)

Nei paesi dell’emisfero australe, dove il Natale è una vacanza estiva piuttosto che invernale, i piatti tipici sono spesso più leggeri rispetto ai pesanti piatti del nord per il freddo. In Nuova Zelanda, un soffice dessert di meringa chiamato pavlova è popolare per gli eventi celebrativi. Si tratta di un dessert popolare delle feste di Natale. La ricetta “originale” della pavlova neozelandese prevede che la meringa sia condita con kiwi a fette, anche se ci sono quasi innumerevoli varianti che utilizzano diversi tipi di frutta, cioccolato e altre aggiunte dolci.

tti tipici Nezelandesi Pavlova platten

Christopsomo (Grecia)

Letteralmente tradotto con “il pane di Cristo”, Christopsomo è un pane dolce burroso ricco di simbolismo religioso. Di solito preparato la vigilia di Natale, il pane rotondo viene infuso con chiodi di garofano, cannella e arancia, poi condito con un’intricata croce di pasta con le estremità avvolte intorno alle noci.

Pasta di fagioli rossi (Corea)

Il solstizio d’inverno è uno dei principali motivi di celebrazione in Corea, e il piatto per onorare l’occasione è una ricca zuppa a base di polpette di riso e fagioli rossi cotti a fuoco lento fino a formare una pasta densa. I fagioli rossi simboleggiano la difesa dagli spiriti maligni, mentre le polpette di riso rappresentano la nuova vita, con alcuni coreani che tradizionalmente ne mangiano una per ogni anno vissuto.

Piatti tipici cinesi: Pesce intero e spaghetti non tagliati

Tra i piatti tipici del paese orientale spiccano i fiocchi di Capodanno, pesce intero cotto e spaghetti non tagliati. Si ritiene che entrambi contribuiscano alla longevità – più sono lunghi i tagliolini, più lunga è la tua vita. La maggior parte dei dolci preparati per l’occasione sono fatti con datteri, castagne e semi, che rappresentano la fertilità.

Per altri consigli utili per la casa, visita il nostro Blog.

Se invece hai bisogno di un professionista per una consulenza direttamente a casa tua, clicca qui.

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Interruttore elettrico danneggiato, quando sostituirlo

post-image

Quando l’interruttore elettrico è danneggiato spesso occorre necessariamente sostituirlo al fine di evitare problemi peggiori.

Un interruttore elettrico è un dispositivo meccanico con parti mobili che viene utilizzato spesso ogni giorno, non a caso è relativamente semplice che questi possano essere facilmente danneggiati o che questo debba essere sostituito.

I primi segni di difficoltà sono:

  • Quando l’interruttore inizia a comportarsi in modo anomalo;
  • Crepitio, uno scatto o uno schiocco udibile quando si gira la leva.

Esperienze comuni:

Se si porta la leva di un interruttore della luce in posizione ON, il proiettore lampeggia momentaneamente prima di accendersi.

Spesso indica che le parti metalliche all’interno dell’interruttore si stanno consumando e che i suoi contatti non riescono ad effettuare i collegamenti necessari per completare il percorso elettrico e permettere alla luce…

Read More
Consigli

Come rimuovere un interruttore elettrico in modo sicuro

post-image

Rimuovere un interruttore elettrico dal pannello di casa è un lavoro semplice che richiede solo pochi minuti e attrezzatura facilmente reperibile.

Cosa vi serve:

  • Attrezzatura e strumenti vari;
  • Trapano (opzionale);
  • Cacciaviti.

Da cosa è composto un interruttore e pannello di servizio?

Un pannello di servizio domestico ha un interruttore principale, di solito situato nella parte superiore (ma a volte anche in quella inferiore o laterale), e due colonne di interruttori di derivazione. Ogni interruttore di derivazione controlla un circuito domestico. L’interruttore principale controlla l’alimentazione di tutti gli interruttori di derivazione. Esso agisce come un interruttore per attivare o disattivare le due sbarre in cui gli interruttori di derivazione si agganciano per accendersi. 

L’interruttore principale stesso riceve l’alimentazione da due cavi elettrici caldi che entrano dall’alto o dal basso del pannello di servizio (c’è anche…

Read More
Consigli

Costo dei lavori idraulici: ecco come ridurlo

post-image

Gli idraulici sono professionisti che hanno una formazione adeguata ad ottenere i requisiti necessari per svolgere il loro mestiere. Per questo motivo il costo dei lavori idraulici può essere molto alto. 

Questa premessa, però, non deve spaventarvi perché non è detto che sostituire o riparare l’impianto idraulico debba comportare prezzi astronomici. Esistono molti metodi che potrete applicare per contenere questo tipo di spese.

Pianificare le ristrutturazioni idrauliche

Il primo suggerimento per contenere il costo dei lavori idraulici è quello di programmarle. Sebbene a volte possiate avere delle emergenze, cercate di limitare le chiamate di pronto intervento ai casi in cui non potete farne a meno. Gli idraulici di emergenza, che possono arrivare anche entro meno di un’ora, sono soliti chiedere compensi maggiorati. 

La cosa più corretta da fare sarebbe, invece, programmare ogni tipo di ristrutturazione idraulica…

Read More
Consigli

I segreti degli idraulici che loro non vi diranno

post-image

Ci sono molti accorgimenti che i proprietari di casa possono mettere in atto per non danneggiare le tubature ed evitare di dover ricorrere all’intervento di un professionista. 
Questi sono cinque piccoli segreti degli idraulici che dovreste sapere e che probabilmente loro non vi diranno perché preziosi trucchi del mestiere.

Proteggete i tubi 

Il primo tra i segreti degli idraulici che tratteremo riguarda i vostri tubi. Proteggerli è un’attività fondamentale per non avere costose perdite di acqua che potrebbe causare danni alle cose, ma soprattutto farvi arrivare bollette da capogiro.

Iniziate, quindi, a capire cosa cercare quando una tubatura perde. La prima cosa da sapere è che le tubature spesso perdono vicino alle giunture quindi prestate attenzione a: 

  • Punti del pavimento bagnati; 
  • Macchie di acqua sul soffitto;
  • Muffa su pareti o pavimenti; 
  • Terra umida intorno alla casa (se avete un…
Read More
Casa Consigli

Gli errori idraulici più comuni tra gli amanti del fai-da-te

post-image

Risolvere problemi idraulici in casa è un’attività che molte persone decidono di svolgere in autonomia. In questo modo è possibile risparmiare denaro e divertirsi armeggiando in casa, potrete, però, incorrere in alcuni tra gli errori idraulici più comuni.

Compiere errori idraulici può costarvi molto caro e, per questo, è importante conoscere le insidie del vostro progetto. Comprenderle vi permetterà di prendervi cura della vostra casa senza causare danni.

Scopriamo, dunque, quali sono i 5 errori idraulici più comuni che i proprietari di casa sono soliti fare.

1) Uso di detergenti chimici

Molti amanti del fai-da-te compiono l’errore di usare ingenti quantità di detergenti liquidi per disgorgare lo scarico. Questo tipo di prodotti chimici sembra miracoloso per liberare i tubi di scarico. In realtà, potrebbe corrodere le vostre tubature se sono zincate.

Casa Consigli

Plastica: 10 modi per riutilizzarla a casa

post-image

Ogni giorno nel mondo vengono gettate milioni e milioni di bottiglie di plastica. Gli esempi sono numerosi, dalle bottiglie d’acqua al detersivo per bucato. La nostra dipendenza da loro rende il riciclaggio e il riutilizzo delle bottiglie di plastica essenziali per la salute del pianeta.

Quindi cosa possiamo fare?

Completare abili progetti fai-da-te è un ottimo modo per ridurre al minimo l’impatto ambientale e persino risparmiare denaro. Dai un’occhiata alla nostra lista di 10 progetti creativi per riutilizzare e riciclare bottiglie di plastica vuote e mettersi al lavoro.

1. Crea tazze portapenne con bottiglie di plastica riciclate.

Gli uffici sono uno dei principali contributori all’aumento della plastica nelle discariche. Quindi, dopo aver consumato una qualsiasi bevanda, non gettare via la bottiglia. Prepara bicchieri di plastica per contenere penne…

Read More
Casa Consigli

Creazioni Natalizie: 5 semplici e divertenti da fare con il vostro bambino

post-image

Questi cinque semplici e divertenti lavoretti di natale faranno piacere a qualsiasi bambino

Il Natale è davvero tutto per i bambini. I single e le coppie sposate senza figli possono godersi un drink tranquillo intorno all’albero e un paio di regali scambiati, ma se non si hanno figli, non si vive davvero la gioia del Natale. Vedere i loro occhi illuminarsi intorno alle festività natalizie è una delle più grandi gioie che la vita ha da offrire a genitori, zii, nonni e persino alla babysitter occasionale. Queste cinque semplici creazioni natalizie faranno piacere a qualsiasi bambino, da quelli che hanno appena iniziato la scuola materna ai bambini che stanno diventando un po’ troppo grandi per credere a Babbo Natale.

Pupazzetti di carta

Un sacchetto di carta marrone può diventare una renna molto rapidamente. Bastano un…

Read More
Casa Consigli

Il pane fatto in casa, una bontà irrinunciabile

post-image

Questi ultimi mesi, con la necessità di restare a casa per contrastare il diffondersi del Covid, hanno consentito a ciascuno di noi di migliorare le nostre capacità in cucina e sperimentare nuove pietanze. Una delle preparazioni più diffuse è sicuramente il pane in casa.

Importante per la buona riuscita della preparazione è la pianificazione sia dei tempi di lievitazione, che degli ingredienti, ma sicuramente ne vale la pena. Vi occorreranno solo 4 ingredienti: farina, acqua, lievito e sale.

Infatti, è davvero un processo semplice, ed una volta che l’avrete provato, in poco tempo sarete anche voi degli esperti di panificazione!

Come fare il pane fatto in casa

Il primo consiglio: utilizzate del buon lievito! Se il vostro lievito è vecchio, il vostro pane non va da nessuna parte. Per fare ciò è utile…

Read More
Translate