Casa

I 5 passi fondamentali per scegliere l’appaltatore più adatto a te

ditta ristrutturazioni adatta a te

Se desiderate una cucina nuova per la vostra casa oppure mettere in atto alcuni miglioramenti e non avete le competenze per farlo da soli, allora  la scelta della giusta ditta per le ristrutturazioni è fondamentale. Chiaramente, per compiere questo lavoro non sceglierai il primo candidato, ma vorrai scegliere l’appaltatore che più si avvicina alla tua visione di casa e  sia inoltre in grado di fare ciò che desideri nelle migliori condizioni di spesa e tempo. Perciò passiamo in rassegna le modalità per scegliere la ditta di ristrutturazione più affine alle tue esigenze.

Primo passo: ottenere referenze delle ristrutturazioni

Il primo passo per trovare il giusto appaltatore per la ristrutturazioni della tua casa è quello di creare un elenco di ditte locali con le giuste competenze.  Per la compilazione di tale elenco e la successiva e graduale selezione dei principali contendenti  vi sono varie modalità. Come prima cosa vi è il  chiedere suggerimenti ad amici oppure ai vicini di casa, in particolare a quelli che hanno recentemente avuto lavori di ristrutturazione, oppure chiedere referenze ai clienti precedenti. Se ciò non dovesse dare alcun frutto vi è la ricerca online del tipo di servizio di cui hai bisogno nella tua zona. Attraverso quest’ultima potrete ottenere le recensioni dei clienti precedenti e vedere esempi del loro lavoro attraverso il sito web dell’azienda.

Un altro metodo per scegliere il giusto appaltatore consiste nell’ottenere attraverso la ricerca online elenchi già fatti, che ti mostreranno le possibilità più vicine alla tua zona oppure le più convenienti. Anche in questo caso è necessario ricercare le referenze delle varie aziende di appaltatori, fino a giungere a quella più adatta.

Anche se la  modalità più semplice ed efficace sarà di affidarsi a  Ernesto.it

Secondo passo: confrontare il portafoglio di ciascuna ditta di ristrutturazioni

 

Scegli un appaltatore specializzato nel tipo di ristrutturazioni di cui hai bisogno; qualcuno che è specializzato nella ristrutturazione di cucine potrebbe non essere l’ideale per il rinnovo del tuo bagno. Un appaltatore per la casa con un occhio creativo può anche essere utile per alcuni progetti. Ad esempio, se vuoi posare un ingresso di piastrelle con un mosaico dettagliato o dipingere una stanza con una finta finitura, avrai bisogno di un appaltatore che sia competente in quel tipo di lavoro.

Per questo è importante chiedere a ciascun appaltatore un portfolio dei loro progetti, si che questo sia in forma cartacea sia che si possa ottenere dal loro sito web. Un buon portafoglio dovrebbe contenere almeno dieci progetti e dovrebbe includere foto di ogni spazio prima dell’inizio dei lavori, durante la ristrutturazione e dopo il completamento del lavoro. Aiuta se ci sono immagini, schizzi o altri piani in modo da poter avere un’idea di come l’appaltatore si avvicina a un progetto.

ditte ristrutturazioni ernesto

 

Terzo passo: richiedere licenze e certificazione

 

A questo punto, per restringere ulteriormente l’elenco dei canditati,  si richiede la licenza e la certificazione degli appaltatori. Le licenze o le certificazioni specifiche per le ristrutturazioni, che il tuo appaltatore per la casa dovrebbe portare, dipenderanno dal progetto scelto. Dato che i requisiti legali richiesti variano in base allo Stato, si dovrà chiamare la divisione licenze per la propria comunità per ottenere i requisiti specifici.

Oltre a garantire che gli appaltatori dispongano delle licenze e delle certificazioni corrette per completare il lavoro in modo sicuro e legale, assicurati che chiunque nel tuo elenco disponga di un’assicurazione per la responsabilità in caso di  danni a casa tua. Anche l’appaltatore e tutti gli altri lavoratori dovrebbero essere coperti da una retribuzione del lavoratore, richiedi  perciò una copia delle loro polizze assicurative e verifica che siano aggiornate.

 

Quarto passo: controllare i riferimenti

 

Il controllo dei i riferimenti è una pratica comune, perciò qualsiasi appaltatore affidabile si aspetta che tu richieda un elenco di referenze. Un tipico elenco di riferimento dell’appaltatore comprende dieci o più lavori con il nome, l’indirizzo e il numero di telefono di ciascun cliente.

Ora è il momento di chiamare ogni riferimento. Se l’elenco è molto lungo, selezionare alcuni progetti recenti e alcuni progetti meno recenti. Durante la telefonata è consigliato porre alcune di queste domande:

    • L’appaltatore è rimasto nei tempi previsti?
    • Il cantiere è stato tenuto pulito?
    • I problemi sono stati risolti prontamente?
    • L’appaltatore era puntuale per gli appuntamenti e i giorni di lavoro?
    • Come ha resistito il lavoro?
    • Il costo era ragionevole e chiaro?

Delle risposte ottenute è importante tenere delle note dettagliate, così da poterle comparare successivamente.

Quinto passo: ottenere offerte per il lavoro e assumere una ditta di ristrutturazioni

 

Dopo aver eliminato tutti gli appaltatori che hanno ricevuto recensioni scadenti o negative, il passo successivo è valutare e comparare  il lavoro di ogni appaltatore rimasto nell’elenco.

Dopo un’attenta consultazione, ciascun contraente ti presenterà una offerta, in cui sarà esposta una proposta per il progetto  e un costo stimato per realizzarla. A seconda del tipo di ristrutturazioni, questa includerà dettagli sulla tempistica del progetto, i tipi di materiali che raccomandano e il costo totale del progetto. Dalle informazioni ottenute sceglierai l’appaltatore più adatto a te.

Ricorda, non è sempre saggio scegliere il candidato per il prezzo offerto più basso. A volte i materiali o la quantità di lavoro differiranno da un appaltatore all’altro; ad esempio, un imprenditore che utilizza armadi prefabbricati addebiterà molto meno di un falegname che li realizza a mano, ma noterai una grande differenza nell’aspetto e nella funzionalità della cucina finita.

Dopo aver scelto il tuo appaltatore per la casa e accettato la loro offerta di progetto, elaboreranno una proposta di contratto con maggiori dettagli su come completeranno il progetto, la tempistica, i materiali, i costi e altro ancora. Dopo aver esaminato e firmato la proposta, il progetto sarà avviato.

Per ottenere ulteriori consigli utili per la tua casa visita il nostro blog.

Se ti serve un professionista per la tua casa, contatta quello che fa per te cliccando qui!

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

post-image

Molti nuovi rubinetti hanno beccucci con tubi estensibili che servono da spruzzatori, ma prima di questi, i lavelli da cucina avevano spruzzatori separati che venivano montati sulla piastra del rubinetto o lateralmente in un foro separato. L’installazione dello spruzzatore per la cucina è un lavoro piuttosto facile che è possibile svolgere da soli.

Anche se il tuo rubinetto non ha attualmente uno spruzzatore, può essere configurato in modo tale da permetterti di aggiungerne uno. Tuttavia, avrai bisogno di controllare la struttura del lavello per vedere se ha il raccordo necessario per attaccare un tubo.

Strumenti e materiali di cui avrete bisogno

  • Nuovo spruzzatore per il lavello
  • Pinze giratubi (due paia)
  • Chiave inglese (a tubo)
  • Stucco idraulico

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

Preparazione

Se il tuo rubinetto non ha…

Read More
Consigli

Video-ispezione fognature: di cosa si tratta?

post-image

Hai un problema alle fognature e non hai idea di cosa sia o dove scavare? Una video-ispezione, potrebbe di certo aiutarti! Questa consiste infatti in un semplice processo volto a rendere più semplici ed efficaci le riparazioni negli scarichi.

Se gli anni passati i punti di scavo erano basate su mere supposizioni e congetture, oggi, grazie all’utilizzo di appositi strumenti quali videocamere fognarie e attrezzature di localizzazione, bastano semplici passaggi per individuare il blocco.

Cos’è una video-ispezione delle fognature?

Per una video-ispezione è innanzitutto necessario l’intervento di un’azienda idraulica o un tecnico esperto nel settore. Questo infatti, inserendo una sonda con all’estremità una telecamera, traccerà una linea video attraverso i tubi di scarico, che permetterà di vedere in dettaglio da vicino e in tempo reale.

La sonda può essere manovrata manualmente o attraverso delle…

Read More
Consigli

Norme di sicurezza idraulica: cosa fare e cosa non fare

post-image

Prima di intraprendere qualsiasi progetto o riparazione idraulica fai-da-te, è importante conoscere alcune precauzioni di sicurezza di base. Di seguito riportiamo alcuni consigli e norme generali per l’utilizzo degli attrezzi e requisiti ufficiali relativi alle installazioni. Ricordiamo, inoltre che, dato che questi tipi di lavori, di solito, coinvolgono anche le tubature, è importante conoscerne le caratteristiche, per evitare conseguenze dannose.

Cosa fare

Il primo passo per le riparazioni fai da te è valutare lo stato dell’impianto idraulico in modo intelligente.

Pensa prima di aprire uno scarico.

Prima di rimuovere un tubo di scarico, chiediti se è possibile che il contenuto del tubo dreni, spingendo verso la tua direzione. Infatti, gli scarichi non sono normalmente sotto pressione, ma un’ ostruzione al loro interno, potrebbe provocare una significativa pressione, a causa della gravità…

Read More
Casa Consigli

Requisiti di ventilazione della lavastoviglie

post-image

Dato che la lavastoviglie scarica nel sistema idraulico della tua cucina, c’è una leggera possibilità che l’acqua di scarico sporca torni nella lavapiatti e contamini i piatti puliti. Per evitare ciò, le norme edilizie richiedono di creare uno spazio d’aria nel tubo di scarico.

Cos’è lo sfiato della lavastoviglie?

Lo sfiato della lavastoviglie impedisce all’acqua sporca di rientrare nella lavapiatti. I due modi più comuni per farlo sono quelli di creare un anello alto nel tubo di scarico o collegare il tubo ad un raccordo di sfiato in modo tale che si monti sulla parte superiore del piano di lavoro o del lavello.

In ogni caso, è importante controllare i codici edilizi e idraulici locali prima di installare una nuova lavastoviglie. Le regole del codice locale dettano i requisiti legali richiesti nella tua zona. Contatta il dipartimento…

Read More
Consigli

Cosa fare quando c’è una perdita dal tritarifiuti

post-image

Cos’è un tritarifiuti

L’utilizzo del tritarifiuti domestico è stato regolamentato dall’ordinamento italiano solo di recente. Anche denominato dissipatore alimentare (o di rifiuti), questo è posto solitamente sotto il lavello della cucina ed è caratterizzato da una forma cilindrica, contenente al suo interno una serie di “dentini”, il cui movimento è in grado di smaltire i rifiuti organici.

Quando il tritarifiuti non funziona in modo efficace, a causa di una perdita ad esempio, non è sempre necessario sostituirlo con uno nuovo.

Le cause più comuni per cui un tritarifiuti potrebbe avere una perdita sono riportate di seguito e ti aiuteranno a comprendere il problema e risolverlo facilmente.

Guarnizione che perde

Guarda attentamente per trovare la fonte della perdita. Se il tritarifiuti sta perdendo dal bordo superiore, dove la guarnizione…

Read More
Casa Consigli

Come riaccendere un forno

post-image

Le luci pilota fisse sono fiamme costantemente accese che permettono al vostro forno di accendere il proprio bruciatore. Alcuni di questi forni sono efficaci, ma a volte richiedono una riaccensione. Ecco una guida rapida che vi aiuterà a riaccendere la vostra fiamma pilota e a diagnosticare qualsiasi altro problema.

Riaccendere la fiamma pilota

Nella maggior parte dei casi, riaccendere il pilota è semplice. Ma, prima di iniziare, è importante prendere le precauzioni necessarie per garantire la sicurezza di voi stessi e della vostra casa. Ecco come prepararsi a riaccendere la luce pilota:

Controllare il manuale delle istruzioni:

Leggete sempre le linee guida del produttore o il manuale delle istruzioni. Capire come accendere correttamente il pilota è la chiave per evitare danni alla casa e al forno.

Mantenere l’area ventilata:
Casa Consigli

9 motivi per cui le lampadine si bruciano troppo in fretta

post-image

Le lampadine non possono bruciare per sempre, e in realtà le lampadine a incandescenza hanno una durata di vita di circa 900 ore. Basandosi su un uso di otto ore al giorno, una lampadina dovrebbe durare circa quattro mesi. Le lampadine fluorescenti compatte dovrebbero durare molto di più, ma non è sempre così. Se avete sostituito le lampadine di recente e la durata di vita non sembra confermare gli standard del prodotto, la causa potrebbe essere nell’apparecchio stesso o addirittura nel circuito.

Curiosità sull’utilizzo delle lampadine

Accendere una lampadina invia una scossa di elettricità attraverso i filamenti che aumenta la probabilità di romperla rispetto alla corrente continua. Quindi se accendi e spegni frequentemente le luci, è probabile che tu stia riducendo la durata di vita della lampadina.

Alta tensione in casa

Se la tensione…

Read More
Casa Consigli

Cavi di linea e cavi di carico nei sistemi elettrici

post-image

Nel settore elettrico, i termini “linea” e “carico” sono parole che si riferiscono ai cavi che trasportano l’energia dalla sorgente a un dispositivo (cavi di linea), ed a quelli che portano l’energia ad altri dispositivi più avanti lungo il circuito (cavi di carico). Per descrivere la stessa cosa vengono anche usate altre terminologie, come ad esempio cavi in entrata e cavi in uscita o cavi a monte e cavi a valle.

I termini possono essere usati nel contesto di un singolo dispositivo e di una cabina elettrica. I cavi che forniscono energia nella cabina sono descritti come i cavi di linea, cavi a monte o i cavi in entrata. Al contrario i cavi che passano ad altri dispositivi sono descritti come carico, a valle, o cavi in uscita. E questi termini sono relativi alla posizione del dispositivo nel circuito, poiché il cavo di carico…

Read More
Translate