Casa Consigli

Castagne: proprietà, benefici e come cucinarle

castagne al forno morbide e facili da sbucciare

Le castagne sono le regine indiscusse della stagione autunnale. Così piccole e così gustose, ma anche un vero e proprio concentrato di salute, grazie a tutti agli innumerevoli benefici che apportano al nostro organismo.

Le castagne (Castanea sativa) sono frutti tipicamente autunnali, dall’inconfondibile sapore dolce ma anche ricche di importanti nutrienti per il nostro corpo. Queste aiutano ad abbassare il colesterolo cattivo, a rafforzare le ossa, contengono vitamina C e sono un ottimo alleato del sistema nervoso. Inoltre, le castagne sono un ottimo alimento che può essere consumato anche da chi soffre di celiachia, grazie all’assenza di glutine. Ma vediamo più nel dettaglio il perché fanno così bene alla salute, come cuocerle e in che modo utilizzarle nelle vostre cucine.

Proprietà e benefici delle castagne

Ecco le principali proprietà benefiche che le castagne portano al nostro organismo. Sono ricche di minerali: il magnesio aiuta a rafforzare i muscoli, lo zolfo è antisettico e disinfettante, il sodio è utile per la digestione e il magnesio aiuta la rigenerazione dei nervi. Grazie all’acido folico sono consigliate in caso di anemia, la cui assunzione è consigliata alle donne in gravidanza.

Aiutano il sistema immunitario

Attraverso l’azione della vitamina C, rafforzano il sistema immunitario. Sono consigliate anche a chi soffre di stanchezza e a chi ha bisogno di un effetto energizzante grazie ai minerali presenti in esse, ottime da consumare anche durante un periodo di lavoro particolarmente stressante.

Salutari per l’intestino

Ricche di fibre alimentari, contribuiscono così a mantenere l’intestino regolare. Sono anche molto digeribili, ma solo se le mangiate ben cotte. Inoltre, svolgono un’attività probiotica, favorendo la crescita della flora batterica nel nostro intestino contribuiscono a mantenerlo sano.

Abbassano il colesterolo

Le fibre alimentari limitano l’assorbimento del colesterolo nell’intestino e aiutano a controllare il colesterolo cattivo anche grazie ai grassi monoinsaturi come Omega 3, Omega 6, acido oleico e acido palmitoleico.

Danno energia e rinforzano le ossa

Ottimo cibo anche per chi pratica sport perché, oltre a fornire energia, favoriscono il lavoro dei muscoli e stimolano la circolazione sanguigna. Inoltre, le castagne sono utili in caso di astenia anche per recuperare dai periodi di convalescenza dopo l’influenza, soprattutto per gli anziani e i bambini. All’interno della castagna sono presenti sali minerali con innumerevoli benefici: il potassio per esempio rafforza i muscoli, lo zolfo rende le ossa più forti, mentre il ferro aiuta in caso di carenze o anemia.

Utili per il sistema nervoso

Attraverso la vitamina B e il fosforo, le castagne contribuiscono al mantenimento dell’equilibrio nervoso. La vitamina E, invece, aiuta il benessere del nostro sistema nervoso, prevenendo le malattie degenerative.

Hanno proprietà antiossidanti

Questo grazie alla vitamina C che aiuta a contrastare i radicali liberi e che è utile anche nella formazione del collagene (proteina fondamentale per il mantenimento dell’elasticità dei tessuti, soprattutto della pelle).

Ottime in gravidanza

Le castagne contengono vitamina B9, nota anche come acido folico, un elemento indispensabile per le donne in gravidanza, in quanto aiuta a proteggere il feto da eventuali malformazioni o patologie.

Hanno un alto potere saziante

Contenendo molti carboidrati, sono ottime per calmare la fame, in quanto danno immediatamente un senso di sazietà. La castagna è anche un frutto che contiene pochi grassi ed è ricco di acqua, e il suo contenuto calorico non è così elevato: 200 calorie per 100 gr di prodotto, quindi può essere introdotto nella dieta, magari come snack, senza il timore di ingrassare.


Come cuocere le castagne

castagne al forno morbide e facili da sbucciare

Le castagne possono essere preparate e gustate in diversi modi:

  • arrostite
  • bollite
  • al forno

C’è infine chi le consuma crude anche se in questo modo sono decisamente più difficili da digerire e il gusto e la consistenza non sono sempre graditi.

Prima di procedere nei vari metodi di cottura, partiamo dalle regole fondamentali che permettono di cuocere e sbucciare facilmente le castagne sia crude che cotte. Quando vorrete cucinare le castagne dovrete metterle in ammollo per qualche ora, ciò è importante per due motivi:

  1. Le castagne marce saliranno in superficie e quindi potrete fare una selezione, gettando quest’ultime e dedicando il vostro tempo alle castagne integre.
  2. Inoltre l’ammollo serve per ammorbidire la pelle e facilitare la pulizia delle castagne.

Successivamente le castagne andranno incise, dovrete praticare un taglio orizzontale sulla parte bombata di 2 cm, se sono marroni dovrete praticarlo di 3 cm. Ma è davvero importante che il taglio sia bello netto e tagli perfettamente la buccia, ma senza intaccare (se possibile) la polpa.

Dopo aver effettuato ammollo ed incisione potrete passare alla cottura che più desiderate per gustare le vostre castagne!

Arrosto

Scolatele bene e asciugatele, quindi versate le castagne nell’apposita padella forata e cuocete a fiamma moderata, per circa 30 minuti, girandole spesso. Per non bruciare troppo la parte esterna delle castagne e rischiare di avere un prodotto non cotto all’interno è consigliabile porre sotto alla padella uno spargifiamma. Se non possedete questo attrezzo non preoccupatevi sarà sufficiente tenere la padella leggermente sollevata e mescolare le castagne molto spesso. Una volta ottenuta una cottura omogenea toglietele dalla padella e avvolgetele in un panno per qualche minuto, grazie a questo infatti si creerà dell’umidità interna alle castagne che permetterà di sbucciarle molto più facilmente.

Bollite

Primo passo, lavare bene le castagne e versarle in una pentola piena di acqua fredda: per 1 kg di castagne ci vorranno circa 3 litri di acqua. Le castagne dovranno essere coperte per almeno 3 cm. Aggiungete all’acqua alcune spezie ed erbe aromatiche come alloro, rosmarino, cannella e zenzero e mettete sul fuoco. Appena l’acqua comincerà a bollire iniziate a prendere il tempo di cottura che sarà di circa 40 minuti per le castagne medie e di un’ora per quelle grandi. Una volta cotte, scolatele e avvolgetele in un panno asciutto e pulito. Sbucciatele quando sono ancora ben calde per eliminare la buccia in modo agevole, man mano che si raffreddano, diventano più difficili da sbucciare, quindi conservatele in acqua calda finché non siete pronti a sbucciarle. Et voila! Le vostre castagne bollite sono pronte!

Al forno

Sistemate le castagne su una teglia rivestita di carta forno e cuocete in modalità forno statico a 250° per 35/40 minuti. Se utilizzate invece il forno ventilato cuocete le castagne per 25 minuti circa a 230°. Per poterle sbucciare più facilmente si può usare lo stesso accorgimento del panno spiegato per le caldarroste.

Usi

castagne carboidrati

Le castagne funzionano bene sia nei piatti salati che in quelli dolci. In Europa sono spesso utilizzate come sostituto delle patate o della pasta a causa del loro alto contenuto di amido. Oppure, potrete arrostire le castagne e poi cuocerle in un brodo di verdure erbe aromatiche insieme ai vostri ortaggi preferiti. Con le castagne lessate invece si potrebbe preparare una purea utile per farcire le verdure ripiene o per accompagnare i vostri secondi piatti. Per quanto riguarda i dolci, sia la farina di castagne che le castagne lessate sono ottimi ingredienti per ripieni, torte e biscotti, come la squisita Mont-Blanc.

Per altri consigli utili e molto altro, continua a seguire il nostro blog.

Se sei in cerca di un professionista puoi trovarlo su Ernesto

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

post-image

Molti nuovi rubinetti hanno beccucci con tubi estensibili che servono da spruzzatori, ma prima di questi, i lavelli da cucina avevano spruzzatori separati che venivano montati sulla piastra del rubinetto o lateralmente in un foro separato. L’installazione dello spruzzatore per la cucina è un lavoro piuttosto facile che è possibile svolgere da soli.

Anche se il tuo rubinetto non ha attualmente uno spruzzatore, può essere configurato in modo tale da permetterti di aggiungerne uno. Tuttavia, avrai bisogno di controllare la struttura del lavello per vedere se ha il raccordo necessario per attaccare un tubo.

Strumenti e materiali di cui avrete bisogno

  • Nuovo spruzzatore per il lavello
  • Pinze giratubi (due paia)
  • Chiave inglese (a tubo)
  • Stucco idraulico

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

Preparazione

Se il tuo rubinetto non ha…

Read More
Consigli

Video-ispezione fognature: di cosa si tratta?

post-image

Hai un problema alle fognature e non hai idea di cosa sia o dove scavare? Una video-ispezione, potrebbe di certo aiutarti! Questa consiste infatti in un semplice processo volto a rendere più semplici ed efficaci le riparazioni negli scarichi.

Se gli anni passati i punti di scavo erano basate su mere supposizioni e congetture, oggi, grazie all’utilizzo di appositi strumenti quali videocamere fognarie e attrezzature di localizzazione, bastano semplici passaggi per individuare il blocco.

Cos’è una video-ispezione delle fognature?

Per una video-ispezione è innanzitutto necessario l’intervento di un’azienda idraulica o un tecnico esperto nel settore. Questo infatti, inserendo una sonda con all’estremità una telecamera, traccerà una linea video attraverso i tubi di scarico, che permetterà di vedere in dettaglio da vicino e in tempo reale.

La sonda può essere manovrata manualmente o attraverso delle…

Read More
Consigli

Norme di sicurezza idraulica: cosa fare e cosa non fare

post-image

Prima di intraprendere qualsiasi progetto o riparazione idraulica fai-da-te, è importante conoscere alcune precauzioni di sicurezza di base. Di seguito riportiamo alcuni consigli e norme generali per l’utilizzo degli attrezzi e requisiti ufficiali relativi alle installazioni. Ricordiamo, inoltre che, dato che questi tipi di lavori, di solito, coinvolgono anche le tubature, è importante conoscerne le caratteristiche, per evitare conseguenze dannose.

Cosa fare

Il primo passo per le riparazioni fai da te è valutare lo stato dell’impianto idraulico in modo intelligente.

Pensa prima di aprire uno scarico.

Prima di rimuovere un tubo di scarico, chiediti se è possibile che il contenuto del tubo dreni, spingendo verso la tua direzione. Infatti, gli scarichi non sono normalmente sotto pressione, ma un’ ostruzione al loro interno, potrebbe provocare una significativa pressione, a causa della gravità…

Read More
Casa Consigli

Requisiti di ventilazione della lavastoviglie

post-image

Dato che la lavastoviglie scarica nel sistema idraulico della tua cucina, c’è una leggera possibilità che l’acqua di scarico sporca torni nella lavapiatti e contamini i piatti puliti. Per evitare ciò, le norme edilizie richiedono di creare uno spazio d’aria nel tubo di scarico.

Cos’è lo sfiato della lavastoviglie?

Lo sfiato della lavastoviglie impedisce all’acqua sporca di rientrare nella lavapiatti. I due modi più comuni per farlo sono quelli di creare un anello alto nel tubo di scarico o collegare il tubo ad un raccordo di sfiato in modo tale che si monti sulla parte superiore del piano di lavoro o del lavello.

In ogni caso, è importante controllare i codici edilizi e idraulici locali prima di installare una nuova lavastoviglie. Le regole del codice locale dettano i requisiti legali richiesti nella tua zona. Contatta il dipartimento…

Read More
Consigli

Cosa fare quando c’è una perdita dal tritarifiuti

post-image

Cos’è un tritarifiuti

L’utilizzo del tritarifiuti domestico è stato regolamentato dall’ordinamento italiano solo di recente. Anche denominato dissipatore alimentare (o di rifiuti), questo è posto solitamente sotto il lavello della cucina ed è caratterizzato da una forma cilindrica, contenente al suo interno una serie di “dentini”, il cui movimento è in grado di smaltire i rifiuti organici.

Quando il tritarifiuti non funziona in modo efficace, a causa di una perdita ad esempio, non è sempre necessario sostituirlo con uno nuovo.

Le cause più comuni per cui un tritarifiuti potrebbe avere una perdita sono riportate di seguito e ti aiuteranno a comprendere il problema e risolverlo facilmente.

Guarnizione che perde

Guarda attentamente per trovare la fonte della perdita. Se il tritarifiuti sta perdendo dal bordo superiore, dove la guarnizione…

Read More
Casa Consigli

Come riaccendere un forno

post-image

Le luci pilota fisse sono fiamme costantemente accese che permettono al vostro forno di accendere il proprio bruciatore. Alcuni di questi forni sono efficaci, ma a volte richiedono una riaccensione. Ecco una guida rapida che vi aiuterà a riaccendere la vostra fiamma pilota e a diagnosticare qualsiasi altro problema.

Riaccendere la fiamma pilota

Nella maggior parte dei casi, riaccendere il pilota è semplice. Ma, prima di iniziare, è importante prendere le precauzioni necessarie per garantire la sicurezza di voi stessi e della vostra casa. Ecco come prepararsi a riaccendere la luce pilota:

Controllare il manuale delle istruzioni:

Leggete sempre le linee guida del produttore o il manuale delle istruzioni. Capire come accendere correttamente il pilota è la chiave per evitare danni alla casa e al forno.

Mantenere l’area ventilata:
Casa Consigli

9 motivi per cui le lampadine si bruciano troppo in fretta

post-image

Le lampadine non possono bruciare per sempre, e in realtà le lampadine a incandescenza hanno una durata di vita di circa 900 ore. Basandosi su un uso di otto ore al giorno, una lampadina dovrebbe durare circa quattro mesi. Le lampadine fluorescenti compatte dovrebbero durare molto di più, ma non è sempre così. Se avete sostituito le lampadine di recente e la durata di vita non sembra confermare gli standard del prodotto, la causa potrebbe essere nell’apparecchio stesso o addirittura nel circuito.

Curiosità sull’utilizzo delle lampadine

Accendere una lampadina invia una scossa di elettricità attraverso i filamenti che aumenta la probabilità di romperla rispetto alla corrente continua. Quindi se accendi e spegni frequentemente le luci, è probabile che tu stia riducendo la durata di vita della lampadina.

Alta tensione in casa

Se la tensione…

Read More
Casa Consigli

Cavi di linea e cavi di carico nei sistemi elettrici

post-image

Nel settore elettrico, i termini “linea” e “carico” sono parole che si riferiscono ai cavi che trasportano l’energia dalla sorgente a un dispositivo (cavi di linea), ed a quelli che portano l’energia ad altri dispositivi più avanti lungo il circuito (cavi di carico). Per descrivere la stessa cosa vengono anche usate altre terminologie, come ad esempio cavi in entrata e cavi in uscita o cavi a monte e cavi a valle.

I termini possono essere usati nel contesto di un singolo dispositivo e di una cabina elettrica. I cavi che forniscono energia nella cabina sono descritti come i cavi di linea, cavi a monte o i cavi in entrata. Al contrario i cavi che passano ad altri dispositivi sono descritti come carico, a valle, o cavi in uscita. E questi termini sono relativi alla posizione del dispositivo nel circuito, poiché il cavo di carico…

Read More
Translate