Stile di Vita

Poke delle Hawaii: il nuovo food trend di successo in Italia

poke bowl food calorie

Se siete dei fanatici di piatti di cucina etnica e amate il food delivery, non potete non conoscere o non aver assaggiato i famosissimi poke, che ormai hanno invaso tutta l’Europa. Vediamo di che cosa si tratta e da dove viene la poke bowl di cui tanto si parla e che possiamo dire sia diventato un fenomeno sociale. Il loro enorme pubblico è tale da immaginare che possa riuscire a spodestare dal trono della cucina di pesce crudo il nostro amatissimo sushi.

Da dove viene il poke?

La poke bowl è appunto, una ciotola contenente principalmente pesce crudo senza lische tagliato a quadrettini, riso bianco o venere accompagnato da verdure di vario tipo. Può comprendere polpo, tonno, salmone, gamberi e per quanto riguarda le verdure abbiamo un’ampia scelta tra cui cipollotto, alghe wakame, germoglia di soia, pomodori, ananas, erba cipollina, avocado, mango, semi di sesamo, lime e tanto altro ancora. Insomma, ognuno può inventarsi ciò che più gli piace e aggiungere al piatto tante piccole variazioni di ingredienti a seconda dei propri gusti.

I poke, parola hawaiana che si legge “poh-kay” significa letteralmente “tagliare a pezzi”. È un piatto base della cucina hawaiana ed è sperimentato e gradito da tutti i viaggiatori che sono in visita nell’arcipelago della West Coast americana.

Questa tipologia di piatto è nato nel 1800 circa e da quel momento si è iniziato a diffondere e ad acquisire notorietà in tante città nelle isole dell’arcipelago delle Hawaii. Si è avvicinato al nostro Paese negli ultimi due o tre anni, ma in America è un must-have già da parecchio tempo, grazie alla vicinanza con il luogo di origine.

da dove viene la poke bowl

Perchè il poke ha avuto successo?

Vediamo di seguito gli aspetti principali che hanno reso di enorme successo le poke bowls:

  1. Innanzitutto, i poke hanno avuto molta risonanza grazie al contenitore con una forma comoda, pratica e facile da trasportare. Una buona scelta per un pranzo in ufficio o per una cena davanti a un bel film o un picnic al parco in una giornata di sole. E questi sono soli pochi esempi per come poter mangiare un’ottima poke bowl.
  2. Continuiamo… il secondo fattore che ha giocato un ruolo fondamentale nella diffusione di questo particolare piatto è stato il sempre più crescente utilizzo delle piattaforme online, da persone di tutte le età, per scegliere ed ordinare il cibo in maniera rapida e accessibile a tutti.  
  3. In più, da quanto sostengono alcuni nutrizionisti, il poke è compreso nella lista dei piatti sani e salutari perché, al contrario del sushi, nella preparazione del pesce e durante la marinatura non si utilizza lo zucchero. È fondamentale però avere sempre ingredienti freschissimi e genuini nelle cucine altrimenti il nostro amato poke si potrebbe facilmente trasformare nel piatto della “morte”.
  4. Inoltre, il moltiplicarsi di bar e ristoranti dedicati a questa cucina, chiamati anche con il loro termine tecnico pokerie, offrono la possibilità ai propri consumatori di scegliere il piatto e di personalizzarlo. Nel menù quindi ci sono i piatti e gli abbinamenti più venduti e più classici ma c’è anche l’opzione di comporre la propria poke bowl come si desidera.
  5. Infine, oltre a tutti questi fattori che continuano a far diffondere sempre di più le pokerie, vi è un altro aspetto fondamentale: l’estetica. È davvero un colpo d’occhio, sembrano quasi un vaso pieno di fiori colorati. I poke sono ottimi soggetti da fotografare, per i ragazzi più “social” non sono un piatto che può mancare nella loro pagina di cibo, sui social network o sui blog… Grazie quindi agli ingredienti di colori molto accesi e vivaci, i poke hanno affascinato e incuriosito moltissime persone.
poke bowl salmon tuna

La verità sulle origini del poke bowl

Sono tanti, come abbiamo potuto vedere finora, gli aspetti positivi di questo delizioso piatto importato dalle Hawaii. Ma anche qui, come in tutte le cose, ci sono delle riflessioni da fare…

Innanzitutto, abbiamo visto come in Italia e in tutta Europa le poke bowls hanno mille ingredienti diversi e altrettante combinazioni, ma veramente crediamo che in una piccolissima isola delle Hawaii i pescatori mangiassero i poke come li mangiamo noi? Non è cosi e possiamo dirlo forte. Il poke era appunto un’usanza dei pescatori hawaiani ed era un piatto spoglio, povero con il pesce avanzato tagliato a dadini e accompagnato dai pochi ingredienti che avevano a disposizione come ad esempio il sale marino, le alghe o la salsa di soia. Vediamo quindi come nel poke originale non è presente frutta o verdura di alcun tipo. Chiaramente per diventare ciò che il poke è diventato in Europa oggi, le “pokerie” hanno dovuto adattarsi alle esigenze dei consumatori e soddisfare le loro aspettative: sicuramente molto diverse da quelle dei pescatori hawaiani.

In altre parole, la poke bowl è un piatto salutare, fresco, semplice e sfizioso che negli ultimi anni è diventato una vera e propria moda… è un alimento “divertente”, e un sollievo per la vista!

Per altri consigli utili e molto altro, continua a seguire il nostro blog.

Se sei in cerca di un professionista puoi trovarlo su Ernesto

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

post-image

Molti nuovi rubinetti hanno beccucci con tubi estensibili che servono da spruzzatori, ma prima di questi, i lavelli da cucina avevano spruzzatori separati che venivano montati sulla piastra del rubinetto o lateralmente in un foro separato. L’installazione dello spruzzatore per la cucina è un lavoro piuttosto facile che è possibile svolgere da soli.

Anche se il tuo rubinetto non ha attualmente uno spruzzatore, può essere configurato in modo tale da permetterti di aggiungerne uno. Tuttavia, avrai bisogno di controllare la struttura del lavello per vedere se ha il raccordo necessario per attaccare un tubo.

Strumenti e materiali di cui avrete bisogno

  • Nuovo spruzzatore per il lavello
  • Pinze giratubi (due paia)
  • Chiave inglese (a tubo)
  • Stucco idraulico

Come sostituire lo spruzzatore del lavello della cucina

Preparazione

Se il tuo rubinetto non ha…

Read More
Consigli

Video-ispezione fognature: di cosa si tratta?

post-image

Hai un problema alle fognature e non hai idea di cosa sia o dove scavare? Una video-ispezione, potrebbe di certo aiutarti! Questa consiste infatti in un semplice processo volto a rendere più semplici ed efficaci le riparazioni negli scarichi.

Se gli anni passati i punti di scavo erano basate su mere supposizioni e congetture, oggi, grazie all’utilizzo di appositi strumenti quali videocamere fognarie e attrezzature di localizzazione, bastano semplici passaggi per individuare il blocco.

Cos’è una video-ispezione delle fognature?

Per una video-ispezione è innanzitutto necessario l’intervento di un’azienda idraulica o un tecnico esperto nel settore. Questo infatti, inserendo una sonda con all’estremità una telecamera, traccerà una linea video attraverso i tubi di scarico, che permetterà di vedere in dettaglio da vicino e in tempo reale.

La sonda può essere manovrata manualmente o attraverso delle…

Read More
Consigli

Norme di sicurezza idraulica: cosa fare e cosa non fare

post-image

Prima di intraprendere qualsiasi progetto o riparazione idraulica fai-da-te, è importante conoscere alcune precauzioni di sicurezza di base. Di seguito riportiamo alcuni consigli e norme generali per l’utilizzo degli attrezzi e requisiti ufficiali relativi alle installazioni. Ricordiamo, inoltre che, dato che questi tipi di lavori, di solito, coinvolgono anche le tubature, è importante conoscerne le caratteristiche, per evitare conseguenze dannose.

Cosa fare

Il primo passo per le riparazioni fai da te è valutare lo stato dell’impianto idraulico in modo intelligente.

Pensa prima di aprire uno scarico.

Prima di rimuovere un tubo di scarico, chiediti se è possibile che il contenuto del tubo dreni, spingendo verso la tua direzione. Infatti, gli scarichi non sono normalmente sotto pressione, ma un’ ostruzione al loro interno, potrebbe provocare una significativa pressione, a causa della gravità…

Read More
Casa Consigli

Requisiti di ventilazione della lavastoviglie

post-image

Dato che la lavastoviglie scarica nel sistema idraulico della tua cucina, c’è una leggera possibilità che l’acqua di scarico sporca torni nella lavapiatti e contamini i piatti puliti. Per evitare ciò, le norme edilizie richiedono di creare uno spazio d’aria nel tubo di scarico.

Cos’è lo sfiato della lavastoviglie?

Lo sfiato della lavastoviglie impedisce all’acqua sporca di rientrare nella lavapiatti. I due modi più comuni per farlo sono quelli di creare un anello alto nel tubo di scarico o collegare il tubo ad un raccordo di sfiato in modo tale che si monti sulla parte superiore del piano di lavoro o del lavello.

In ogni caso, è importante controllare i codici edilizi e idraulici locali prima di installare una nuova lavastoviglie. Le regole del codice locale dettano i requisiti legali richiesti nella tua zona. Contatta il dipartimento…

Read More
Consigli

Cosa fare quando c’è una perdita dal tritarifiuti

post-image

Cos’è un tritarifiuti

L’utilizzo del tritarifiuti domestico è stato regolamentato dall’ordinamento italiano solo di recente. Anche denominato dissipatore alimentare (o di rifiuti), questo è posto solitamente sotto il lavello della cucina ed è caratterizzato da una forma cilindrica, contenente al suo interno una serie di “dentini”, il cui movimento è in grado di smaltire i rifiuti organici.

Quando il tritarifiuti non funziona in modo efficace, a causa di una perdita ad esempio, non è sempre necessario sostituirlo con uno nuovo.

Le cause più comuni per cui un tritarifiuti potrebbe avere una perdita sono riportate di seguito e ti aiuteranno a comprendere il problema e risolverlo facilmente.

Guarnizione che perde

Guarda attentamente per trovare la fonte della perdita. Se il tritarifiuti sta perdendo dal bordo superiore, dove la guarnizione…

Read More
Casa Consigli

Come riaccendere un forno

post-image

Le luci pilota fisse sono fiamme costantemente accese che permettono al vostro forno di accendere il proprio bruciatore. Alcuni di questi forni sono efficaci, ma a volte richiedono una riaccensione. Ecco una guida rapida che vi aiuterà a riaccendere la vostra fiamma pilota e a diagnosticare qualsiasi altro problema.

Riaccendere la fiamma pilota

Nella maggior parte dei casi, riaccendere il pilota è semplice. Ma, prima di iniziare, è importante prendere le precauzioni necessarie per garantire la sicurezza di voi stessi e della vostra casa. Ecco come prepararsi a riaccendere la luce pilota:

Controllare il manuale delle istruzioni:

Leggete sempre le linee guida del produttore o il manuale delle istruzioni. Capire come accendere correttamente il pilota è la chiave per evitare danni alla casa e al forno.

Mantenere l’area ventilata:
Casa Consigli

9 motivi per cui le lampadine si bruciano troppo in fretta

post-image

Le lampadine non possono bruciare per sempre, e in realtà le lampadine a incandescenza hanno una durata di vita di circa 900 ore. Basandosi su un uso di otto ore al giorno, una lampadina dovrebbe durare circa quattro mesi. Le lampadine fluorescenti compatte dovrebbero durare molto di più, ma non è sempre così. Se avete sostituito le lampadine di recente e la durata di vita non sembra confermare gli standard del prodotto, la causa potrebbe essere nell’apparecchio stesso o addirittura nel circuito.

Curiosità sull’utilizzo delle lampadine

Accendere una lampadina invia una scossa di elettricità attraverso i filamenti che aumenta la probabilità di romperla rispetto alla corrente continua. Quindi se accendi e spegni frequentemente le luci, è probabile che tu stia riducendo la durata di vita della lampadina.

Alta tensione in casa

Se la tensione…

Read More
Casa Consigli

Cavi di linea e cavi di carico nei sistemi elettrici

post-image

Nel settore elettrico, i termini “linea” e “carico” sono parole che si riferiscono ai cavi che trasportano l’energia dalla sorgente a un dispositivo (cavi di linea), ed a quelli che portano l’energia ad altri dispositivi più avanti lungo il circuito (cavi di carico). Per descrivere la stessa cosa vengono anche usate altre terminologie, come ad esempio cavi in entrata e cavi in uscita o cavi a monte e cavi a valle.

I termini possono essere usati nel contesto di un singolo dispositivo e di una cabina elettrica. I cavi che forniscono energia nella cabina sono descritti come i cavi di linea, cavi a monte o i cavi in entrata. Al contrario i cavi che passano ad altri dispositivi sono descritti come carico, a valle, o cavi in uscita. E questi termini sono relativi alla posizione del dispositivo nel circuito, poiché il cavo di carico…

Read More
Translate