Casa

Automazione domestica: come consumare meno

sensore

Il progresso tecnologico ha portato nel tempo una maggiore automazione degli edifici, e di conseguenza a consumare meno energia. Infatti, la meccanizzazione domestica ha generato una sostanziale e radicale rivoluzione sul modo di vivere e sfruttare il proprio ambiente. Consumando meno energia e facendolo meglio, grazie all’efficienza degli impianti e tecnologie a disposizione.

Insomma, l’automazione domestica mira ad ottenere una “casa intelligente”, capace di offrire benefici e comodità all’utente e attuare un risparmio energetico. Questo grazie ai vari sistemi avanzati, capaci di controllare la produzione di energia anche da fonti rinnovabili e riducendo notevolmente gli sprechi. Con una connessione adsl o fibra attiva, sarà come se tutta la casa fosse connessa, attraverso le nuove tecnologie, che la renderanno moderna ed efficiente. Attualmente sono disponibili tantissime offerte adsl o fibra, per scoprire qual è la più adatta a te leggi l’articolo dedicato di Papernest.

Vediamo ora nel dettaglio tutto ciò che riguarda l’automazione domestica.

Risparmiare con l’automazione domestica

Grazie alla maggiore efficienza degli impianti e ai sistemi di integrazione e coordinamento di tutti i dispositivi, è possibile attuare un cospicuo risparmio energetico. Ogni parte dell’impianto non sarà più gestita in modo isolato, ma farà parte di un complesso automatizzato, in cui verranno attuate varie azioni che aumenteranno l’efficienza energetica di tutta la casa.

Si cerca sempre di spendere di meno in bolletta, ma se sono i propri elettrodomestici a consumare troppo, se si fa uso smodato dell’elettricità e si hanno una serie di comportamenti sbagliati, risparmiare non sarà così facile. Infatti spesso sono proprio i comportamenti scorretti e gli elettrodomestici inadeguati, i veri colpevoli delle bollette salate. Scopri utili consigli per risparmiare sulla bolletta leggendo la pagina dedicata di Papernest.

Uno dei fattori principali su cui ruota tutto il discorso è limitare gli sprechi di energia. Il risparmio si ottiene solamente abbattendo i consumi eccessivi, derivanti da proprie cattive abitudini. Un elemento da non trascurare affatto. L’automazione domestica vuole proprio indurre l’utenza ad attuare atteggiamenti che direttamente o indirettamente portino ad un risparmio di energia. Un esempio può essere la luce che si spegne automaticamente dove non vi sono persone o la consapevolezza dei propri consumi istantanei, che induce a prendere subito provvedimenti e cambiare comportamento.

automazione significato

Le caratteristiche dell’automatizzazione domestica

L’automazione domestica rende la propria casa più sicura, controllata, automatica. Basti pensare a certi sistemi di sicurezza, che rendono possibile monitorare la propria casa o ufficio direttamente da uno smartphone o tablet. In qualsiasi posto ci si trovi, la situazione può essere supervisionata adeguatamente.

Un ambiente domestico così, sarà attrezzato e progettato in modo da facilitare ogni attività svolta, con l’assoluta comodità. Potendo controllare vari elementi come:

  • il riscaldamento, per ogni singola stanza
  • le luci
  • l’apertura di finestre e porte
  • gli impianti di sicurezza e antifurto
  • i vari elettrodomestici.

I vantaggi dell’automazione domestica

Sono notevoli i vantaggi, come abbiamo visto, dell’automazione domestica. Nel dettaglio possiamo riassumerli in:

  • Gestione totale dei sistemi della propria casa. Si potranno gestire in tutta comodità i vari impianti e tecnologie presenti nel proprio ambiente
  • Sicurezza. Con validi sistemi di allarme che sfruttano le moderne tecnologie.
  • Maggiore comfort. La comodità di aver il controllo della propria casa, sia che si tratti dell’illuminazione o del riscaldamento
  • Risparmio cospicuo di energia. La possibilità di evitare da subito sprechi inutili di energia elettrica e consumare di meno, anche con utilizzo di fonti rinnovabili
  • Controllo da remoto della propria casa. Sarà possibile monitorare sempre e dovunque la propria casa, in tutta tranquillità.

In tema di rinnovamento e sfruttamento delle nuove tecnologie, volte all’implemento di impianti elettrici eco-sostenibili, sono previste spesso delle agevolazioni e bonus da parte del governo. Può essere interessante visitare il sito ufficiale a questa pagina, per rimanere aggiornati.


Per altri consigli utili per la casa, visita il nostro Blog.

Se invece hai bisogno di un professionista per una consulenza personalizzata, clicca qui.

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Quanti fili elettrici può contenere un tubo protettivo?

post-image

Quando non è proprio possibile utilizzare cavi non metallici, bisogna trovare un modo per proteggere i cavi elettrici da qualsiasi tipo di esposizione. In questo caso, una giusta soluzione è fornita dal tubo protettivo.

I tubi protettivi, che è possibile trovare in diversi materiali come il metallo rigido (TBR), la plastica rigida (PVC) o il metallo flessibile (TMF), presentano però il limite della quantità di cavi elettrici che possono essere condotti al loro interno (ossia la capacità di riempimento).

Definire e limitare il numero di fili conduttori è una questione di sicurezza: in effetti, se i fili elettrici trasportassero più corrente rispetto a quella concessa, il rischio che il calore generato possa fondere l’isolamento dei fili elettrici diventa molto elevato. Quindi limitare il numero di fili presenti in un tubo protettivo limita la possibilità che si accumuli calore -…

Read More
Casa Consigli

Corrispondenza tra le dimensioni dei cavi elettrici e l’amperaggio del circuito

post-image

Quando viene ampliato un circuito elettrico o quando ne viene rifatto il camblaggio o ancora quando ne viene installato uno nuovo, è fondamentale verificare che i cavi siano adattati all’amperaggio (ovvero l’intensità della corrente elettrica) del circuito. Infatti, per evitare che l’elevato calore prodotto possa fondere i cavi e causare incendi, è necessario che – all’aumentare dell’amperaggio del circuito – i cavi abbiano uno spessore maggiore.

La giusta misura del circuito, indicata dall’amperaggio, è determinata da diversi fattori, come ad esempio dal carico previsto sul circuito, dal numero di prese o di apparecchi di illuminazione ad esso collegati e dalla lunghezza del circuito.

Una volta adeguato l’amperaggio del circuito, è fondamentale adattare lo spessore dei cavi utilizzati all’amperaggio dell’interruttore.

Dimensione dei cavi

Se almeno una volta hai acquistato cavi elettrici, avrai notato la…

Read More
Casa Consigli

Problemi comuni con il termostato del riscaldamento

post-image

Se il vostro riscaldamento non funziona correttamente e avete escluso i soliti sospetti, come un filtro sporco o un sensore di fiamma sbagliato, potrebbe essere colpa del termostato. Questa, solitamente, è una cosa positiva perché i problemi del termostato sono di solito più facili (e meno costosi) da correggere rispetto ai problemi del forno stesso.

A volte, il cablaggio difettoso o invecchiato, l’accumulo di polvere, gli sbalzi di temperatura estremi e altri problemi possono causare il malfunzionamento del termostato, in modo che non possa comunicare correttamente con la caldaia e regolare la temperatura della vostra casa. Anche se alcuni di questi problemi possono anche essere causati da altri problemi, il termostato è il primo posto da controllare se si nota uno dei tre problemi comuni:

  • Il vostro riscaldamento smette di produrre calore
  • La caldaia emette quantità irregolari…
Read More
Casa Consigli

Il sistema di accensione pilot intermittente: problemi e soluzioni

post-image

Il sistema di accensione pilot intermittente usa sistemi di accensione elettronica per creare calore. Quando un segnale elettrico viene inviato al bruciatore, un solenoide (sistema usato come induttore) rilascia gas nel pilot e riscalda un elemento o emette una scintilla per accendere il gas; il bruciatore viene quindi attivato e riscalda la casa. Il bruciatore e il pilot si spengono quando viene raggiunta la temperatura corretta. I sistemi intermittenti aumentano l’efficienza della vostra casa e presentano meno pericoli in caso di malfunzionamento; tuttavia, i pilot intermittenti presentano dei problemi. Ci sono alcuni problemi (circa il sistema pilot intermittente) comunemente riscontrati che potete risolvere autonomamente; tuttavia, alcuni problemi richiedono l’aiuto di un professionista.

Nessuna scintilla di accensione nei sistemi pilot intermittenti

La scintilla di accensione accende il sistema pilot intermittente e inizia il ciclo di riscaldamento. Una mancanza di potenza all’accensione può…

Read More
Casa Consigli

Test della tensione, cos’è e quali strumenti utilizzare

post-image

Determinare se un circuito domestico è alimentato e sotto tensione può essere semplice o complicato. Per fare un test della tensione, i metodi vanno dal facile e gratuito (usando una lampada funzionante) a un dispositivo estremamente costoso che usa onde radar.
Prima di eseguire qualsiasi lavoro elettrico, usa uno di questi metodi per aiutarti a capire se la presa, l’interruttore della luce o la plafoniera dell’illuminazione riceve corrente.
Se non sei pratico nel campo dell’elettricità, ti consigliamo di chiamare un elettricista professionista. Se pensi che i lavori elettrici siano tra i più costosi da chiamare a casa tua, è molto più economico di un viaggio al pronto soccorso.

Test della tensione con una lampadina funzionante

Questo metodo classico è il più semplice per testare la corrente. Se la lampadina si accende, allora c’è tensione, altrimenti la lampadina resta spenta.
Questo metodo è adatto…

Read More
Casa Consigli

Guasti a terra: come affrontarli in modo sicuro

post-image

I guasti a terra possono minacciare la sicurezza e l’efficienza della vostra casa. Ecco un rapido sguardo su come puoi identificare ed eliminare i pericoli legati ai guasti della tua casa.

Cosa sono i guasti a terra?

Un guasto a terra è causato da un cablaggio errato, apparecchi elettrici difettosi o vecchi elettrodomestici che portano l’elettricità a prendere percorsi sbagliati verso il suolo. Queste scorciatoie a volte possono essere prese attraverso conduttori che si toccano, come gli involucri metallici degli elettrodomestici, il che può portare a una scossa elettrica. I guasti a terra sono particolarmente pericolosi in cucine, bagni e altre aree con elevati livelli di umidità.

I pericoli dei guasti a terra

La minaccia principale dei guasti a terra è la scossa elettrica. Le correnti elettriche che scorrono attraverso materiali conduttori possono anche causare…

Read More
Casa Consigli

Cosa sapere prima di acquistare una luce da incasso

post-image

Prima di decidere di aggiungere una luce da incasso, conosciuta anche come luce a lattina, o decidere quale luce da incasso o a lattina installare, ci sono alcune cose da considerare: Cosa vuoi illuminare? Preferisci un’illuminazione ampia o in un punto specifico? Che dimensione deve avere la tua luce da incasso? Che tipo di lampadina vuoi usare? Hai bisogno di una ristrutturazione a casa per l’installazione o preferisci un apparecchio del tutto nuovo? Che dire del cablaggio necessario per la tua nuova luce? Hai bisogno di un apparecchio compatibile con l’isolamento o a tenuta d’aria o di uno che sia entrambi?

Le parti di una luce da incasso

  • Alloggiamento: Alcuni apparecchi da incasso sono tutti in un unico pezzo, ma la maggior parte sono divisi in due. In un apparecchio in due pezzi, l’alloggiamento è la parte che…
Read More
Casa Consigli

Requisiti dei cablaggi elettrici per le cucine

post-image

Una cucina usa più elettricità di qualsiasi altra stanza della casa, e per essere a norma di legge deve essere ampiamente servita da cablaggi specifici. In una cucina che usa apparecchi di cottura elettrici, questo può significare che ha bisogno di ben sette o otto circuiti. Invece, per una camera da letto o un’altra zona giorno basta un singolo circuito di illuminazione generale per servire tutti gli apparecchi di illuminazione e le prese di corrente.

Un tempo, la maggior parte degli elettrodomestici da cucina erano collegati a normali circuiti di uscita generali, ma dato che gli elettrodomestici da cucina sono diventati sempre più grandi nel corso degli anni, ora è standard – e richiesto dalla normativa – che ognuno di questi elettrodomestici abbia cablaggi dedicati. Inoltre, le cucine richiedono circuiti per piccoli elettrodomestici e almeno un circuito di illuminazione.

In Italia…

Read More
Translate