Stile di Vita

La Pasta, storia, proprietà e benefici

varieta di pasta

Negli ultimi dieci anni il consumo di pasta nel mondo è cresciuto del 66,6% a circa 15 milioni di tonnellate/anno da quasi 9 milioni. E l’Italia si conferma, anche per il 2018, leader mondiale con 3,4 milioni di tonnellate  prodotte, davanti a Usa, Turchia, Brasile e Russia

Terminologia e produzione

Pasta

Il termine “pasta” è utilizzato per descrivere i prodotti realizzati con un impasto farina-acqua che si adattano allo stile “italiano” degli alimenti estrusi. L’ingrediente primario utilizzato nella produzione della pasta è una farina di grano duro macinata grossolanamente, chiamata semola. Nella produzione commerciale di pasta, la semola e l’acqua sono le vere e proprie materie prime e vengono mescolate in un impasto che viene poi estruso attraverso una trafila per produrre la dimensione e la forma di pasta desiderate. Il prodotto viene quindi essiccato o venduto fresco. I prodotti di pasta comuni includono spaghetti, vermicelli, linguine, rotini, rigatoni e maccheroni.

Noodle

Al contrario, il termine “noodle” viene utilizzato per descrivere uno stile “orientale” di prodotti in fogli e tagliati a base di cereali diversi dal grano duro. I cereali usati per produrre le tagliatelle includono grano tenero o pane, riso, orzo e grano saraceno, oltre a legumi come il fagiolo mungo.

Storia

La prima testimonianza scritta di pasta nella dieta italiana è stata segnalata nel 1279, sebbene i prodotti a base di pasta facessero parte sicuramente delle prime culture della Cina e delle culture successive di molti altri paesi. Oggi i prodotti a base di pasta sono diventati una parte importante della dieta in molti paesi. Ciò è stato in parte influenzato dai cambiamenti nella percezione della pasta da parte dei consumatori. Una volta considerata amidacea e ingrassante, è ora invece considerata un alimento nutriente e conveniente.

Processo produttivo

processo produttivo pasta

Nel processo produttivo della pasta secca, la prima tappa è la scelta del grano duro, selezionato in base alle caratteristiche chimiche e fisiche. La materia prima è portata al mulino dov’è setacciata, in modo da eliminare le impurità, e poi sottoposta a macinatura, per essere trasformata in semola.

La semola giunge nel pastificio, dove inizia la fase d’idratazione con l’acqua, la cui percentuale deve oscillare dal 30 al 35% per ottenere un prodotto di qualità. La fase d’impasto, detta gramolazione, avviene sotto vuoto per ottenere un composto più resistente e privo di bolle d’aria al suo interno.

Questo deve risultare compatto e trasparente, ma soprattutto di un colore brillante. È in questa fase che si può intervenire con l’aggiunta di altri ingredienti, rigorosamente essiccati, per aromatizzare o colorare il composto: dal pomodoro agli spinaci in polvere, fino alle spezie come peperoncino, origano, basilico, rosmarino o altro.

Caratteristiche chimico-fisiche

Pasta di grano duro e integrale

L’uso di grano duro normale o integrale, o l’aggiunta di ingredienti non tradizionali tra cui farina integrale e ingredienti di crusca di frumento, modifica la composizione fisica e chimica della pasta cruda e cotta. L’impasto di grano duro integrale è generalmente debole e mostra scarsa stabilità. La causa principale è la distribuzione non uniforme degli ingredienti non endospermici che porta a un’idratazione competitiva tra gli ingredienti. Dichiarazioni sull’esperienza di consumo di pasta contenente ingredienti non endospermici suggeriscono che questi prodotti “possono sembrare duri a primo impatto ma si disintegrano rapidamente in bocca.

Uno studio ha concluso che la misurazione strumentale di fermezza, elasticità, coesione e masticabilità di questi devono essere combinate con un pannello sensoriale. Il tipo di sonda utilizzato nella misurazione strumentale dipende dalla forma della pasta, dalla formulazione, dal tempo di cottura e dal livello di discriminazione desiderato. La consistenza della pasta cotta a base di farine integrali commerciali di grano duro varia tra 749 e 1020 N,(quantità di materia), rispetto alla gamma normale della pasta di semola di grano duro commerciale di 800-900 N misurata con uno strumento, chiamato Instron, dotato di cella Kramer.

pasta fatta a mano

Proprietà della pasta

La pasta è un alimento popolare a base di carboidrati con una bassa risposta glicemica. Essa è formata da una matrice proteica continua che intrappola i granuli di amido limitando o ritardardando l’idrolisi da parte dell’α-amilasi. Esso è un fattore importante per spiegare la lenta digestione dell’amido nella pasta. Le caratteristiche della matrice proteica possono anche svolgere un ruolo importante nel determinare la velocità di digestione dell’amido nella pasta e quindi la sua risposta glicemica. Diversi tipi di pasta possono produrre diverse risposte glicemiche ma queste non sono necessariamente correlate a differenze di cottura o di superficie.

Benefici

La pasta può essere considerata un’ottima alleata della dieta. Essa, infatti, possiede un grande potere saziante e questo ci spinge a mangiare di meno.
Da un certo punto di vista questo cibo si può considerare un’ottima soluzione anche contro lo stress. Innanzi tutto questo è dovuto al suo gusto, che, essendo buono, riesce a mettere di buonumore. Inoltre la pasta contiene vitamine del gruppo B: soprattutto la B1, la quale è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso.
Inoltre la pasta contiene l’amido, compontente fondamentale per la liberazione di glucosio, che favorisce la sintesi della serotonina, il neurotrasmettitore che ci fa provare una sensazione di benessere.

La pasta ci può aiutare ad affrontare gli sforzi più intensi sia dal punto di vista fisico che mentale. Essendo facilmente digeribile, riesce a fornire energia da spendere immediatamente da parte dell’organismo. Riesce a darci una dose di carica in più, che ci è utile soprattutto nelle competizioni.

Alcuni studi hanno dimostrato che, fra i carboidrati, la pasta ha líndice glicemico piu basso. Tutto ciò favorirebbe anche la protezione del cuore, in quanto l’indice glicemico basso non alza i livelli della proteina C reattiva, che si è rivelata collegata al rischio cardiovascolare.
Contiene pochissimo sodio e anche fibre, che sono fondamentali nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e dei tumori.

Valori nutrizionali

valori nutrizionali della pasta cambiano a seconda del tipo.

In generale, comunque, possiamo dire che essa possiede:

  • tra l’11% e il 13% di proteine;
  • fino al 70-75% di amico;
  • Vitamina B;
  • grande abbondanza di sali minerali (potassio);
  • grassi.

Dal punto di vista nutrizionale è un alimento completo ed è un elemento fondamentale per la dieta mediterranea.

Consumo della pasta nel modo

PaeseConsumo pro capite (Kg)
Italia28.0
Venezuela12.7
Svizzera9.1
USA9.0
Russia7.0
Francia7.0
Grecia6.6
Canada6.3
Germany5.0
Spain4.0
UK2.0
Giappone1.8
Cina0.8

Se ti è piaciuto il nostro articolo, continua a seguire il nostro Blog.

Se invece hai bisogno di un professionista per la tua casa, clicca qui.

Ernesto preventivi gratuiti

You may also like

Casa Consigli

Interruttore elettrico danneggiato, quando sostituirlo

post-image

Quando l’interruttore elettrico è danneggiato spesso occorre necessariamente sostituirlo al fine di evitare problemi peggiori.

Un interruttore elettrico è un dispositivo meccanico con parti mobili che viene utilizzato spesso ogni giorno, non a caso è relativamente semplice che questi possano essere facilmente danneggiati o che questo debba essere sostituito.

I primi segni di difficoltà sono:

  • Quando l’interruttore inizia a comportarsi in modo anomalo;
  • Crepitio, uno scatto o uno schiocco udibile quando si gira la leva.

Esperienze comuni:

Se si porta la leva di un interruttore della luce in posizione ON, il proiettore lampeggia momentaneamente prima di accendersi.

Spesso indica che le parti metalliche all’interno dell’interruttore si stanno consumando e che i suoi contatti non riescono ad effettuare i collegamenti necessari per completare il percorso elettrico e permettere alla luce…

Read More
Consigli

Come rimuovere un interruttore elettrico in modo sicuro

post-image

Rimuovere un interruttore elettrico dal pannello di casa è un lavoro semplice che richiede solo pochi minuti e attrezzatura facilmente reperibile.

Cosa vi serve:

  • Attrezzatura e strumenti vari;
  • Trapano (opzionale);
  • Cacciaviti.

Da cosa è composto un interruttore e pannello di servizio?

Un pannello di servizio domestico ha un interruttore principale, di solito situato nella parte superiore (ma a volte anche in quella inferiore o laterale), e due colonne di interruttori di derivazione. Ogni interruttore di derivazione controlla un circuito domestico. L’interruttore principale controlla l’alimentazione di tutti gli interruttori di derivazione. Esso agisce come un interruttore per attivare o disattivare le due sbarre in cui gli interruttori di derivazione si agganciano per accendersi. 

L’interruttore principale stesso riceve l’alimentazione da due cavi elettrici caldi che entrano dall’alto o dal basso del pannello di servizio (c’è anche…

Read More
Consigli

Costo dei lavori idraulici: ecco come ridurlo

post-image

Gli idraulici sono professionisti che hanno una formazione adeguata ad ottenere i requisiti necessari per svolgere il loro mestiere. Per questo motivo il costo dei lavori idraulici può essere molto alto. 

Questa premessa, però, non deve spaventarvi perché non è detto che sostituire o riparare l’impianto idraulico debba comportare prezzi astronomici. Esistono molti metodi che potrete applicare per contenere questo tipo di spese.

Pianificare le ristrutturazioni idrauliche

Il primo suggerimento per contenere il costo dei lavori idraulici è quello di programmarle. Sebbene a volte possiate avere delle emergenze, cercate di limitare le chiamate di pronto intervento ai casi in cui non potete farne a meno. Gli idraulici di emergenza, che possono arrivare anche entro meno di un’ora, sono soliti chiedere compensi maggiorati. 

La cosa più corretta da fare sarebbe, invece, programmare ogni tipo di ristrutturazione idraulica…

Read More
Consigli

I segreti degli idraulici che loro non vi diranno

post-image

Ci sono molti accorgimenti che i proprietari di casa possono mettere in atto per non danneggiare le tubature ed evitare di dover ricorrere all’intervento di un professionista. 
Questi sono cinque piccoli segreti degli idraulici che dovreste sapere e che probabilmente loro non vi diranno perché preziosi trucchi del mestiere.

Proteggete i tubi 

Il primo tra i segreti degli idraulici che tratteremo riguarda i vostri tubi. Proteggerli è un’attività fondamentale per non avere costose perdite di acqua che potrebbe causare danni alle cose, ma soprattutto farvi arrivare bollette da capogiro.

Iniziate, quindi, a capire cosa cercare quando una tubatura perde. La prima cosa da sapere è che le tubature spesso perdono vicino alle giunture quindi prestate attenzione a: 

  • Punti del pavimento bagnati; 
  • Macchie di acqua sul soffitto;
  • Muffa su pareti o pavimenti; 
  • Terra umida intorno alla casa (se avete un…
Read More
Casa Consigli

Gli errori idraulici più comuni tra gli amanti del fai-da-te

post-image

Risolvere problemi idraulici in casa è un’attività che molte persone decidono di svolgere in autonomia. In questo modo è possibile risparmiare denaro e divertirsi armeggiando in casa, potrete, però, incorrere in alcuni tra gli errori idraulici più comuni.

Compiere errori idraulici può costarvi molto caro e, per questo, è importante conoscere le insidie del vostro progetto. Comprenderle vi permetterà di prendervi cura della vostra casa senza causare danni.

Scopriamo, dunque, quali sono i 5 errori idraulici più comuni che i proprietari di casa sono soliti fare.

1) Uso di detergenti chimici

Molti amanti del fai-da-te compiono l’errore di usare ingenti quantità di detergenti liquidi per disgorgare lo scarico. Questo tipo di prodotti chimici sembra miracoloso per liberare i tubi di scarico. In realtà, potrebbe corrodere le vostre tubature se sono zincate.

Casa Consigli

Plastica: 10 modi per riutilizzarla a casa

post-image

Ogni giorno nel mondo vengono gettate milioni e milioni di bottiglie di plastica. Gli esempi sono numerosi, dalle bottiglie d’acqua al detersivo per bucato. La nostra dipendenza da loro rende il riciclaggio e il riutilizzo delle bottiglie di plastica essenziali per la salute del pianeta.

Quindi cosa possiamo fare?

Completare abili progetti fai-da-te è un ottimo modo per ridurre al minimo l’impatto ambientale e persino risparmiare denaro. Dai un’occhiata alla nostra lista di 10 progetti creativi per riutilizzare e riciclare bottiglie di plastica vuote e mettersi al lavoro.

1. Crea tazze portapenne con bottiglie di plastica riciclate.

Gli uffici sono uno dei principali contributori all’aumento della plastica nelle discariche. Quindi, dopo aver consumato una qualsiasi bevanda, non gettare via la bottiglia. Prepara bicchieri di plastica per contenere penne…

Read More
Casa Consigli

Creazioni Natalizie: 5 semplici e divertenti da fare con il vostro bambino

post-image

Questi cinque semplici e divertenti lavoretti di natale faranno piacere a qualsiasi bambino

Il Natale è davvero tutto per i bambini. I single e le coppie sposate senza figli possono godersi un drink tranquillo intorno all’albero e un paio di regali scambiati, ma se non si hanno figli, non si vive davvero la gioia del Natale. Vedere i loro occhi illuminarsi intorno alle festività natalizie è una delle più grandi gioie che la vita ha da offrire a genitori, zii, nonni e persino alla babysitter occasionale. Queste cinque semplici creazioni natalizie faranno piacere a qualsiasi bambino, da quelli che hanno appena iniziato la scuola materna ai bambini che stanno diventando un po’ troppo grandi per credere a Babbo Natale.

Pupazzetti di carta

Un sacchetto di carta marrone può diventare una renna molto rapidamente. Bastano un…

Read More
Casa Consigli

Il pane fatto in casa, una bontà irrinunciabile

post-image

Questi ultimi mesi, con la necessità di restare a casa per contrastare il diffondersi del Covid, hanno consentito a ciascuno di noi di migliorare le nostre capacità in cucina e sperimentare nuove pietanze. Una delle preparazioni più diffuse è sicuramente il pane in casa.

Importante per la buona riuscita della preparazione è la pianificazione sia dei tempi di lievitazione, che degli ingredienti, ma sicuramente ne vale la pena. Vi occorreranno solo 4 ingredienti: farina, acqua, lievito e sale.

Infatti, è davvero un processo semplice, ed una volta che l’avrete provato, in poco tempo sarete anche voi degli esperti di panificazione!

Come fare il pane fatto in casa

Il primo consiglio: utilizzate del buon lievito! Se il vostro lievito è vecchio, il vostro pane non va da nessuna parte. Per fare ciò è utile…

Read More
Translate